Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Cinema Le Grazie di Bobbio: El Paraiso

17 Luglio @ 18:30 - 20:30

EL PARAÍSO

mercoledì 17, venerdì 19, domenica 21, martedì 23: ore 21:00

#ElParaíso

Julio Cesar ha quasi quarant’anni e vive ancora con sua madre, una donna colombiana dalla dirompente personalità. I due condividono una casetta sul fiume piena di ricordi, i pochi soldi guadagnati lavorando per uno spacciatore della zona, la passione per le serate di salsa e merengue, un’esistenza ai margini vissuta con amore simbiotico e opprimente. Il precario equilibro va in crisi con l’arrivo di Ines, giovane colombiana al suo primo viaggio come “mula” della cocaina. Tra desiderio e gelosia la situazione precipita rapidamente, al punto che Julio si troverà a compiere un gesto estremo, in un viaggio doloroso che lo porterà per la prima volta nella sua terra di origine.

Genere: Drammatico

Regia: Enrico Maria Artale

Attori: Edoardo Pesce, Margarita Rosa De Francisco, Maria Del Rosario Barreto Escobar, Gabriel Montesi

Durata:106 min

Critica: Vincitrice della migliore sceneggiatura e premio per l’interpretazione femminile a Venezia 80, l’opera del regista e sceneggiatore nasce dalla collaborazione col protagonista Edoardo Pesce, fragile e malinconico nel ruolo di un figlio incapace di staccarsi da chi gli ha dato la vita (e, per questo, può anche toglierla)

Un film appassionato su una relazione complessa, carico di sentimenti vissuti tra affetto e sofferenza.

Il quasi quarantenne Julio Cesar vive con la madre in una casa alla foce del Tevere. La donna, di origine colombiana, condivide con il figlio quasi tutti gli aspetti della vita quotidiana. Lavorano per uno spacciatore locale e vanno anche ballare insieme nei locali specializzati in musiche latinoamericane. La loro è una simbiosi che talvolta lascia trapelare tensioni che si acutizzano quando dalla Colombia giunge Ines, una giovane neofita corriere della droga. La gelosia della madre non tarderà a manifestarsi.

Partendo da situazioni di vita personalmente vissuta Enrico Maria Artale porta con partecipazione sullo schermo una relazione complessa.

Figlio di un genitore incontrato solo una volta all’età di venticinque anni, il regista ha sentito il bisogno di indagare il suo rapporto con la madre ovviamente senza rifarsi alla loro specifica relazione ma chiedendosi quali possano essere le luci e le ombre sottese a una relazione tra un figlio ormai adulto e la donna dalla quale non ha mai reciso il cordone ombelicale.

Ha potuto farlo grazie all’adesione non solo professionale ma, potremmo dire, totale di un attore come Edoardo Pesce che ha preso parte, sin dalle sue prime fasi, al progetto. Edoardo diventa Julio Cesar in ogni espressione del volto, della gestualità, della parola in una mimesi che fa di lui l’uomo che ama e al contempo sopporta la donna che gli ha dato la vita e che ora la trattiene a sé impedendo qualsiasi altra intromissione.

Per ottenere però il miglior risultato possibile erano necessari altri elementi: un set reale (la casa), l’ordine di lavorazione in cronologia in modo da far evolvere la storia grazie a una consapevolezza che cresceva di giorno in giorno e, su suggerimento di Pesce, un Artale divenuto operatore del proprio film accompagnando così i movimenti dei suoi attori. I quali, parlando ognuno la propria lingua e dovendo apprendere quella altrui sono stati sottoposti al processo che i loro personaggi debbono affrontare.

Ne è nato un film carico di sentimenti vissuti tra affetto e sofferenza in cui l’arrivo dall’esterno di una figura femminile che non sia solo un corpo a pagamento (unica ‘libertà’ concessa dalla madre a Julio Cesar) rappresenta la possibile apertura a una realtà diversa e, al contempo, anche un avvicinamento a radici culturali che restano sullo sfondo pur facendo sentire il loro richiamo.

Come la musica che in questo film non è mai utilizzata in funzione extradiegetica, cioè di commento più o meno emotivo ma sempre come facente parte dell’azione. Una musica che consente l’avvicinarsi dei corpi di madre e figlio allontanando o, per meglio dire, sublimando il possibile legame incestuoso. El Paraiso è solo il nome di una piccola imbarcazione perché in realtà quello in cui vivono i protagonisti è un Purgatorio in cui il tempo della crescita individuale è stato sospeso.

Cinema Le Grazie
Contrada dell’Ospedale, 2
29022 Bobbio
Tel. : 346 878 2077

 

Dettagli

Data:
17 Luglio
Ora:
18:30 - 20:30
Categoria Evento:

Organizzatore

Cinema Le Grazie di Bobbio
Phone
346 8782077
Email
bobbio@cinemalegrazie.it
Visualizza il sito dell'Organizzatore

Luogo

Bobbio
Bobbio PC, 29022 + Google Maps