1859 - Fontanigorda (Fontanigordia) PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Val Trebbia di ieri - Val Trebbia di ieri
Scritto da Daniele Bertacchi   
Mercoledì 13 Gennaio 2010 22:47

Paese alpestre, che giace nelle parti più elevate degli Appennini, alle falde del monte Costa della Riva, sulla destra della Trebbia e al sud di Ottone, da cui dista chilom. 14,90 e 39,10 da Bobbio.

Forse le molte fontane cbe scaturiscono nei suoi dintorni gli hanno fatto dare il nome che porta.

Evvi una chiesa parrocchiale di recente costruzione dedicata a S. Giacomo, una Cura nella frazione dei Casoni, ed altra prepositura parrocchiale in quella di Canale. -Diocesi di Bobbio.

Si adergono al borgo i monti Del Penso, Costa e Roccabruna, assai ricchi di pasture e di selve.

Compongono tutto il Comune le villate di Borzine, Canale, Casoni, Mezzoni, Rezzoni, Valloscura, Villanova e Volpaie, oltre al Capoluogo.

Delle sue vie comunali sono due le principali: una, lunga tre miglia, guida al luogo detto le Capanne, indi a Chiavari; e l'altra, detta di Casanova, dirigesi pel tratto di un miglio verso il capo-luogo di mandamento, congiungendosi poi colla via provinciale di Bobbio.

Vi sono due rivi, di cui uno è detto il Brigna, e l'altro Pescia, il primo al sud ed il secondo all'ovest del borgo: essi hanno origine da due predetti monti, si uniscono sotto il Penso, e sboccano, dalla destra, nella Trebbia presso Cheutri.

Il suolo è mediocremente produttivo di cereali, ma abbonda di legna, castagne e pascoli. Quasi tutti questi terrazzani fabbricano l'esca, e la smerciano nella Toscana, in Piemonte e nel Genovesato. Molti individui di questo paese abbracciano la carriera ecclesiastica, e vanno perciò a studiare nel seminario di Bobbio, che n'è distante circa 2O miglia.

Il cimitero è sufficientemente lontano dall'abitato.

Questa popolazione numerosa di 1045 abitanti, frequenta le fiere e i mercati di Ottone. È robustissima e laboriosa: gli uomini si conducono pure in parte ad esercitare qualche traffico nei paesi stranieri, dove rimangono per più mesi dell'anno.
La loro indole non è men buona, e i loro costumi , tendenze e linguaggio sono quasi affatto genovesi. La famiglie del Comune sono 217 e le case 200.     

(Testo tratto da “Monografia di Bobbio” di Daniele Bertacchi, 1859)

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information