Storia di Rovegno dal 1800 PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Val Trebbia di ieri - Val Trebbia di ieri
Scritto da Rita Pilucchi   
Martedì 30 Gennaio 2007 01:00

Nel giugno del 1805 la Liguria fu annessa all'Impero Francese e fece parte integrante del territorio soggetto alla legge del governo Napoleonico, che introdusse il franco (ancora oggi i Liguri usano spesso la parola Franco al posto di Lira quando parlano in dialetto) i pesi e le misure, le disposizioni della proprietà, del possesso, delle enfiteusi, del contratto, dell'istituto del divorzio, la vendita dei beni feudali, la liquidazione dei residui usi civili (pascolo legnativo ecc.) la soppressione dei conventi tra cui quello di Montebruno. Per le nuove leggi furono requisiti argenti e ori delle chiese, soppressi conventi e oratori.
La pieve Rovegnese dovette mandare al nuovo governo qualche libbra d'argento. La parrocchia perse l'importanza con l'istituzione dell'ufficio di stato civile presso la nuova Mairie, che rilasciava certificati di nascita, matrimonio, morte. L'Impero francese istituì i dipartimenti che si dividevano in arrondissements (circondari). Le Mairie (il comune) Rovegnese si trovava nel cantone d'Ottone. Le diocesi furono in parte soppresse o unite ad altre. La diocesi di Tortona e di Bobbio aggregate a Casale perciò Rovegno per quindici anni (1803-1817) fu nella diocesi di Casale affidata alle cure del vescovo francese Giovanin Billarret.
Molti vantaggi furono tolti al clero.
Il nuovo governo cercò di affidare l'istruzione ai laici ma poiché non esistevano maestri si dovette ritornare ai preti. Il comune (la Mairie) era retto da un sindaco, il primo eletto e dai consiglieri che appartenevano alte famiglie che pagavano più tasse. Non si sa dove avesse sede l'ufficio comunale dove, lavorava un solo impiegato Gaspare Carboni (per qualche tempo anche Sindaco) e un paio d'operai come Giò Batta Cappellini fu Giulio che era addetto al funzionamento dell'orologio pubblico. A partire dal 1760 e in particolare nel 1790 la popolazione aumentò fino a raggiungere nel 1810 circa 1800 abitanti. A Rovegno capoluogo con Zerbo, Conio, Valle, Poggio circa 400, Casanova 450, Loco 300, Garbarino 120.
Una frana lenta ma costante, mise in pericolo la staticità della chiesa nel 1809-1810. L'arciprete Ambrogio Alvigini si rivolse al vescovo di Casale, al sottoprefetto di Bobbio, al Capo cantonale d'Ottone ma nel maggio 1811 la chiesa fu chiusa al culto e alcune famiglie si trasferirono ad Isola e a Loco. Tra indagini, ispezioni, raccolte di fondi, passarono una decina d'anni prima d'incominciare la chiesa che ancora oggi si ammira. Caduto Napoleone dopo la disfatta di Lipsia (1813) le truppe inglesi prendevano possesso delle terre Liguri e quindi del Cantone d'Ottone. Nel gennaio 1815 il governatore del Bisogno diede l'ordine di dare l'annuncio nelle piazze e nelle chiese, che la Val Trebbia passava sotto casa Savoia con Vittorio Emanuele I già re di Sardegna. Rovegno dipendeva dal governatore del Bisogno, dall'intendente genovese di San Martino d'Albaro, dal capo anziano del comune d'Ottone. I primi atti della nuova amministrazione tendevano ad accertare la fedeltà al nuovo Sovrano. Perciò i consiglieri Gerolamo Carboni, il medico chirurgo Giò Gregorio Rettagliata, Giacomo Isola, Giuseppe Rettagliata, dovettero giurare fedeltà assoluta al nuovo monarca. L'ordine pubblico, le feste da ballo, dovevano essere vigilate, il rilascio di passaporti sottoposto a misure di controllo. Le tariffe dei commestibili riportate a quelle in vigore nel 1798. Il segretario comunale anticipò, per sanare i debiti, £ 14,8 per ristorare i militari che davano la caccia ai briganti: importo per 29 boccali di vino e formaggio.
L'amministrazione comunale, costituita da benestanti del paese, non seppe fronteggiare la grande carestia del 1816 e del 1817. E' vero che aveva allora ben pochi poteri.
Con affanno riusciva a ritrovare il maestro per l'istruzione, dava pareri sull'aspetto sanitario solo in caso d'epidemia, assisteva i poveri con il medico condotto, pagava i cappellani di Casanova, Garbarono, Isola. Aiutava, ogni tanto, con piccoli sussidi, le vittime d'incendi o di grandinate. Rare volte provvedeva a costruire strade e ponti, per i magri bilanci.
Nel 1820 dietro le pressioni del dinamico arciprete rovegnese Giuseppe Carboni si deliberò la costruzione della nuova chiesa in località "Peretta e Nocetta" a circa un km dal vecchio e cadente tempio. Tutti gli abitanti della parrocchia di Rovegno avrebbero dato il loro contributo gratuitamente nel campo dei lavori, il materiale sarebbe stato procurato dai soli parrocchiani.
Nel 1821 un nuovo re, Carlo Felice, subentrò a Vittorio Emanuele. Da lui le popolazioni si aspettavano strade e ponti sul Trebbia, una sanità migliore, scuole miglior. Il monarca fece molto per Genova ma non fece nulla per la Val Trebbia. Il suo regno durò 10 anni fino al 1831. Gli successe Carlo Alberto. L'attuale chiesa, grandiosa nelle sue linee classiche, fu iniziata nel 1821, aperta al pubblico nel 1831, decorata di stucchi a cominciare dal 1848 e consacrata nel 1878.

(Questo documento è stato tratto da "La mia Rovegno - Cento anni di 'Ricordi'" di Rita Pilucchi)

Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Aprile 2012 08:19
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information