La Rocca d’Olgisio e il monte San Martino PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Trekking - Itinerari piacentini
Scritto da AA.VV.   
Lunedì 23 Settembre 2013 22:30
Rocca d'Olgisio
Partenza
Chiarone, frazione di Pianello Val Tidone (PC) a 250 metri s.l.m.
Come arrivare
• da Piacenza si raggiunge Pianello Val Tidone percorrendo la SP 11 e la SS 412;
• oltrepassato il ponte sul Tidone, alla rotonda si svolta a sinistra in v. Leonardo da Vinci;
• dopo 400 m. allo stop si svolta a sinistra (via Sante Liberata e Faustina) seguendo le indicazioni “Mezzano – Piozzano – Pecorara”;
• 800 metri dopo si svolta ancora a sinistra sulla strada prov.le 60 seguendo i cartelli“Piozzano – Mezzano – trattoria Chiarone”; (si trascura, quindi, la segnalazione a destra“Rocca d’Olgisio” perché indica la strada verso l’ingresso superiore del castello);
• dopo 2 km si attraversa il piccolo abitato di Case Gazzoli, e 500 m. oltre si gira a destra, subito dopo il ponte sul torrente Chiarone, indicazioni per “Roccapulzana – Chiarone”;
• ancora 1,3 km e si riattraversa il torrente; subito dopo il ponte si parcheggia nello slargo sulla sinistra, prima del cartello stradale che segnala il centro abitato di Chiarone.
TOTALE da Piacenza km 34 in circa 45 minuti
Lunghezza
7 km circa; asfalto km. 1; tutto il resto sterrato o sentiero
Tempo di percorrenza
3 h
Grado di difficoltà
Escursionistico, qualche tratto da percorrere su creste rocciose
esposte, alcuni tratti piuttosto ripidi sia in salita che in discesa
Segnavia
CAI 209, 211 e 213 su tutto il percorso
Dislivello
m. 505
Punto più alto
Rocca d’Olgisio, 566 m.s.l.m.
 
 

Itinerario
Dal parcheggio si torna all’inizio del ponte, dove si trova il cartello bianco-rosso che segnala il sentiero CAI 209.
Si scende sul greto tra i cespugli e si cammina sulla riva del torrente costeggiando, dopo 3 minuti, la base di una spettacolare parete argillosa a calanco.
Appena dopo il sentiero svolta a sinistra, abbandonando il corso del Chiarone, e un minuto dopo un altro cartello del CAI indica con precisione la direzione da seguire.
Si sale sul ripido pendio tra querce e castagni; in alcuni punti lo stradello si impenna, e si cammina faticosamente tra cumuli di foglie secche ammucchiati dall’acqua piovana sul piano di calpestio.
Dopo circa un quarto d’ora la mulattiera arriva ad affacciarsi, dall’alto, sui calanchi che si erano osservati dal greto del torrente.
Quando la pendenza si attenua, in una sezione di bosco sottoposta a taglio, si incrocia una carrozzabile in terra battuta che sale da destra: si svolta a sinistra seguendo il cartello “Rocca d’Olgisio”). (mt 398 - 30 min).
Si prosegue in salita fino a quando, in corrispondenza di una curva a destra della strada, si trascura, a sinistra, il cartello che indica il sentiero CAI 209a che riporta a Chiarone; si procede quindi sulla carreggiabile per non più di venti metri e la si abbandona, deviando a destra, in salita nel bosco, guidati dal segnavia. (mt 419 - 5 min).
Si cammina da 5 minuti quando il sentiero rientra nella strada carrozzabile e, poco dopo, raggiunge un quadrivio: si lascia definitivamente la strada, che prosegue a sinistra, in piano attraverso un boschetto di pini, e si trascura ugualmente il viottolo che gira deciso a destra in piano, portando ad uno slargo; si prosegue invece in leggera svolta a destra, sul sentiero che sale nel bosco, confortati dal cartello e dai segnavia sui tronchi degli alberi. (mt 470 - 7 min).
Dopo 5 minuti si esce allo scoperto, all’altezza di un roccione che si affaccia sulla radura in mezzo alla quale sorge Casa il Cisello; la vista spazia verso il monte San Martino, la Costa, e il lontano monte Lazzaro.
Sulla roccia, che immagazzina calore nelle ore calde creando un microclima favorevole, compaiono i primi fichi d’India nani.
Si prosegue per una decina di minuti su rocce affioranti, porose e non scivolose, e si costeggia un grosso masso, alla destra del percorso, oltre il quale si staglia Rocca d’Olgisio.
Nel punto indicato dalla foto 6 occorre fare molta attenzione: i segnavia abbandonano infatti gli alberi e invitano ad affrontare, a destra, un costone affilato, sul cui crinale si deve camminare. (mt 540 - 16 min).
E’ il tratto più pericoloso dell’intera escursione, ed è bene usare la massima cautela, perchè la cresta di arenaria, pur non essendo scivolosa se asciutta, è in questo punto particolarmente stretta, e mancano protezioni su entrambi i lati.
Gli alberi, a destra, e qualche cespuglio consentono limitati appigli che rendono più sicuro il passo.
Si tratta comunque di un tratto molto breve, sconsigliato solo a chi abbia effettivi problemi di equilibrio o vertigini.
Al termine del tratto sulla roccia viva, il segnale invita a scendere, a destra, nel bosco. (mt 545 - 5 min).
Dopo un paio di minuti si apre, a destra, una strepitosa veduta sulla Val Tidone, con la chiesa di Gabbiano in primo piano, e oltre Pianello, Strà, i vigneti di Ziano e la pianura sullo sfondo.
Ancora un minuto di cammino e si accede al prato esterno della Rocca d’Olgisio.
Pochi passi e, sulla destra, un varco nella staccionata consente di scendere in un paio di minuti alla grotta delle Sante Faustina e Liberata, interessante per le sedute e gli altari intagliati nella roccia, per le incisioni, alcune antiche, e per il vasto panorama inquadrato dall’apertura.
Le nobildonne cui la grotta deve il nome fuggirono dal castello per evitare il matrimonio loro imposto dal padre, il nobile Giovannato, e fondarono nel VI secolo un monastero a Como.
Si ritorna sul prato e ci si dirige verso il cartello del CAI che indica “209 Chiarone” dal lato già percorso, e “Chiarone - Rio Tinello” verso destra. (mt 566 - 7 min).
Dal cartello, si trascura la strada asfaltata che scende subito a sinistra, e si cammina nel prato verso la cinta muraria, che si costeggia verso sinistra (quindi tenendola alla propria destra) per 2 minuti fino alla fine del prato, di fronte ad una guglia di roccia, dove si ritrova il segnavia. (mt 565 - 2 min).
4 minuti dopo, si cammina sul tracciato intagliato nella roccia che incombe sulla destra, e si raggiunge un bivio: a destra si imbocca un sentiero protetto da tubi in ferro da
ponteggio, che in pochi metri porta, tra abbondanti fichi d’India, alla grotta della Goccia chiamata così per la goccia d’acqua che cade ad intervalli regolari dalla volta; da qui si apre una vasta visuale verso i monti S. Martino, Chiarello, Aldone, e i più lontani m. Bogo e m. Lazzaro. Di fronte, il campanile di Roccapulzana, orfano della chiesa travolta da una frana negli anni ’70.
Lasciata la grotta, che presenta un gradino lungo tutto il suo perimetro e un sedile intagliato nella roccia, si torna al bivio precedente, riprendendo il cammino, a destra. (mt 565 - 5 min).
Ritrovato il costone di roccia, è preferibile scendere dallo stesso e camminare sullo stretto sentiero di terra battuta che rasenta la base del roccione, fino ai segnali del CAI che si intravedono sulla costa.
Rientrati nel bosco, si procede in discesa fino ad uno sperone roccioso che presenta alcuni gradoni intagliati nella pietra e lavorati a lisca di pesce, con due grossi e profondi fori, forse destinati ad accogliere palificazioni: probabilmente un altare sacrificale, a strapiombo sulla vallata sottostante e rivolto verso il m. Aldone.
Si continua a scendere nel bosco, fino a quando il pendio diventa meno ripido, in corrispondenza dell’impluvio del rio Cisello, che si immette poco oltre nel rio Tinello.
Alla fine della discesa si raggiunge quest’ultimo ruscello, il quale si insinua nella frattura che, interrompendo il crinale roccioso, separa la Rocca dal monte S. Martino; lo si attraversa, dopo aver ammirato le marmitte dei giganti scavate dalla corrente e le stratificazioni della riva sinistra, poco a valle del guado. (mt 335 - 30 min).
Pochi passi dopo il rio si incontra il segnale che indica, a sinistra, il sentiero 209 che continua fino a Chiarone, e che si trascura, ed il 211 che sale, a destra, verso il monte San Martino e la Madonnina.
Si svolta quindi a destra e si affronta un tratto di salita molto ripida finché, dopo una decina di minuti, in una piccola radura si abbandona lo stradello, che prosegue più ampio, a destra, e si segue il segnavia che indica la deviazione a sinistra, ancora in salita.
Altri 6 minuti e si incrocia una stradina, più ampia del sentiero percorso finora, in leggera salita da sinistra verso destra; la si imbocca verso destra, e poche centinaia di metri dopo si giunge ad una sella: nel punto in cui il viottolo inizia a scendere verso La Costa, sulla sinistra i cartelli e i segnavia invitano a salire sul sentiero
che porta all’ultimo strappo prima della cima. (mt 475 - 20 min).
In pochi minuti si arriva alla vetta del monte San Martino, costituita da uno sperone roccioso percorso da una stretta spaccatura verticale, nella quale il sentiero si infila, costringendo a camminare di lato, senza zaino.
Dall’altra parte una serie di scalini scavati nella roccia consente di salire proprio sulla sommità, da cui si gode un panorama amplissimo, sia verso la Rocca d’Olgisio, sia verso il monte Lazzaro e la testata della Val Chiarone. (mt 500 - 5 min).
Si continua in discesa sul versante opposto, quindi si risale di pochi metri e si scende nuovamente tra maestosi castagni, fino ad un ampio pianoro, completamente interessato dagli scavi archeologici recintati, che hanno messo in luce strutture e materiali ceramici relativi a due distinti insediamenti, uno protostorico (età del Bronzo) e uno tardoantico e medievale.
Il tutto è ora coperto da teloni che lasciano intravedere poche pietre, ma non annullano il fascino di questo ambiente solitario e di grande interesse paesaggistico. (mt 480 - 3 min).
Attraversato il pianoro, si sale al settore sommitale, anch’esso occupato dagli scavi, e si ritrova il segnavia, che si segue in discesa fino ad incontrare, dopo una decina di minuti, un tratto molto ripido, tra le rocce, non pericoloso perchè non esposto, ma che mette a dura prova le ginocchia.
Ancora una decina di minuti, e occorre prestare attenzione al segnavia bianco-rosso, che, in una curva dello stradello in forte discesa a sinistra, indica con precisione il sentiero che si stacca a destra, in salita per pochi metri, e poi ancora in discesa. (mt 400 - 20 min).
Dopo qualche minuto si passa accanto ad un grande blocco di arenaria inclinato verso destra, al di sotto del quale alcune rocce sembrano grossolanamente lavorate a formare sedili e incise da fori circolari; probabilmente in epoca preistorica il sito fu usato come luogo di culto.
Quindi si oltrepassa una grotta, sulla sinistra, la cui volta annerita dal fumo sembra indicare un antico uso come abitazione o riparo. (mt 350 - 5 min).
Ancora 5 minuti di discesa e, superato il piccolo oratorio dedicato alla Madonnina di Lourdes, con una breve scalinata si raggiunge la strada asfaltata di fondo valle. (mt 275 - 5 min).
Si svolta a sinistra e, restando sempre sulla strada principale, prima si ignora il sentiero 209 che sale a sinistra verso il rio Tinello, poi si attraversa l’abitato di Chiarone, e quindi, ignorato il sentiero 209a che porta a sinistra a Rocca d’Olgisio, si raggiunge l’autovettura. (mt 250 -15 min).

Informazioni
La località di partenza ospita 2 locali pubblici: la trattoria “Chiarone” (www.trattoriachiarone.it tel. 0523.998311, mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , chiusura lunedì) e l’Antica Trattoria (www.chiarone.it tel. 0523.994948 0523.994911 mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. chiusura martedì) adiacente al Salumificio Chiarone (tel. 0523.998945)
Scarica la scheda (con immagini)
Scarica la mappa
Itinerario compilato da Achille Menzani - www.piacenzasera.it

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Settembre 2013 22:39
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information