Da Cicogni ai monti Pian Perduto e Pietra di Corvo PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Trekking - Itinerari piacentini
Scritto da Achille Menzani   
Lunedì 23 Settembre 2013 17:24
Pietra di Corvo
Partenza
Cicogni, frazione di Pecorara (PC) a 701 metri s.l.m.
Come arrivare
• da Piacenza si raggiunge Nibbiano percorrendo la SP 11 e la SS 412 per circa 35 km;
• si svolta sulla SP 34 in direzione di Pecorara (7 km), quindi, senza entrare in paese, si prosegue in direzione di Bobbio e Cicogni per altri 8 km;
• giunti a Cicogni, si parcheggia all’interno del centro abitato, nella piazzetta davanti alla chiesa.
TOTALE da Piacenza km 50 in circa un’ora
Lunghezza
11,5 km circa; asfalto 1 km.; tutto il resto sterrato o sentiero
Tempo di percorrenza
3 h e 15’
Grado di difficoltà
Escursionistico, nessun tratto pericoloso o esposto;
Segnavia
CAI 201, 101 e 203;
Dislivello
m. 693
Punto più alto
Monte Pietra di Corvo, 1078 m.s.l.m.
 
 

Itinerario
Dalla piazza della chiesa si scende tra le case del piccolo borgo, passando accanto all’Antica Osteria, e si tiene la destra in via della Fontana; ignorati i segnavia del sentiero CAI 207, si arriva alla fonte, di fronte alla quale si imbocca lo stradello in decisa discesa contrassegnato dai colori bianco-rossi del CAI (sentiero 201).
Dopo 5 minuti si attraversa una strada asfaltata e si prosegue dall’altro lato sulla sterrata che scende ad attraversare il rio Merlingo su un ponticello in cemento; un minuto dopo si lascia la strada principale per svoltare a sinistra, seguendo i segnavia. (mt 603 - 10 min).
Si prosegue sulla mulattiera nel bosco per una decina di minuti, poi si esce allo scoperto e si attraversa una vasta radura tra prati ed incolti, in fondo alla quale si vede, in alto a sinistra, l’abitato di Praticchia.
Lungo il percorso bei panorami verso il monte Pietra di Corvo e, voltandosi indietro, verso Cicogni e la val Tidoncello.
Si prosegue in salita fino ad incrociare, nel nucleo abitato di Praticchia, la strada asfaltata, che si imbocca a sinistra. (mt 843 - 30 min).
Subito dopo si svolta a destra, tra le case del borgo vecchio, seguendo i segnavia dipinti su di un palo della luce in cemento.
Superata una fontana, nel punto in cui si congiungono i sentieri CAI 201 e 207, si raggiunge la strada carrozzabile; si svolta a destra, si oltrepassano alcuni massi su cui le case sembrano appoggiarsi e, appena prima dell’ultima abitazione del paese, si imbocca a sinistra un sentiero nel boschetto, sempre seguendo i segnavia. (mt 843 - 5 min).
Dopo 2 minuti si ritrova l’asfalto e si svolta a sinistra, seguendo il cartello turistico che indica il giardino botanico alpino di Pietra Corva a 800 m; ancora una decina di minuti su asfalto e si raggiunge il bar – ristoro, alla cui sinistra si imbocca il sentiero sterrato che in un paio di minuti porta all’ingresso del giardino (segnale CAI 201). (mt 917 - 15 min).
Al cancello di ingresso si svolta a destra, seguendo la recinzione ed ammirando, sulla propria sinistra, i laghetti delle ninfee; ritrovati i segnavia, si prosegue tenendo la sinistra al bivio tra vasti recinti, all’interno dei quali, con un po’ di fortuna, si possono osservare mufloni, caprioli, cervi e daini.
Superato un cancello, aperto o solo accostato, si esce dal perimetro del giardino. (mt 925 - 5 min).
Si prosegue in decisa salita nella faggeta (tabelle esplicative su specie arboree, animali e relative tracce) fino ad una sella, evidente incrocio di sentieri: si trascura, per il momento, il sentiero 101 che scende, a sinistra, verso il passo Crocetta e, a destra, prosegue verso il Penice; si ignora anche il 147 che scende diritto verso Cadelmonte; si imbocca, invece, a sinistra in salita uno stradello inizialmente non segnato ma molto evidente, che punta verso la vetta del monte. (mt 1022 - 15 min).
Raggiunte un paio di roccette ofiolitiche con un tracciato dal fondo parecchio dissestato, il sentiero prosegue e compie una svolta sulla destra, rimontando la cima del Pian Perduto; qui il panorama, altrimenti nascosto dalla vegetazione, si apre a 360° sulle valli del Trebbia e del Tidone.
Vicinissima si scorge a nord la Pietra di Corvo, sulla quale si salirà tra poco; quindi a destra il monte Mosso, il Lazzaro e, in lontananza la Pietra Parcellara; in primo piano il monte Pradegna, e sull’altro lato della val Trebbia il crinale ofiolitico che la divide dalla val Perino, quindi i monti che cingono la conca di Bobbio; più lontano l’Aserei.
Verso sud il monte Penice e, sull’orizzonte, il monte Alfeo.
In direzione dell’Oltrepò Pavese si individuano Romagnese ed il monte Calenzone.
Dal mare di alberi che si stende ai piedi del rilievo emerge la piatta cima erbosa del monte Il Groppo, antica sede di un castelliere ligure di epoca neolitica: sul pianoro sommitale sono stati ritrovati asce in serpentino, fibule ed aghi crinali. (mt 1063 - 7 min).
In meno di 5 minuti si ritorna al bivio precedente, e si svolta a destra sul sentiero 101 che scende verso i passi Crocetta e Caldarola; dopo altri 5 minuti si perviene ad un’altra selletta, al termine di un breve tratto in salita, e al bivio, poco evidente, con un sentiero segnato che sale a sinistra: lo si imbocca e in pochi minuti si sale alla cima del monte Pietra di Corvo, così denominato perché di scuro serpentino.
Dalla vetta il panorama si apre sul versante settentrionale, a precipizio sulla sottostante faggeta (attenzione soprattutto ai bambini); rispetto al Pian Perduto qui si offre alla vista la vallata del Tidoncello, con gli abitati di Praticchia, Cicogni e, più lontana, Pecorara con il monte Ciarello. (mt 1078 - 13 min).
In pochi minuti si ritorna alla selletta e si svolta a sinistra sul sentiero CAI 101; dopo 4 minuti, al termine di un tratto alquanto ripido, si perviene ad un bivio con uno stradello che si imbocca verso destra, accompagnati dalla precisa segnaletica bianco-rossa.
A 20 minuti dalla cima, dopo un tratto nel fitto del bosco cosparso di enormi massi precipitati dalle alture circostanti, si perviene ad una zona soggetta ad intenso taglio, dove si tiene la sinistra ad un bivio tra due carraie, sempre seguendo i segnavia.
Ritrovato l’asfalto, si svolta a sinistra e si raggiunge quasi immediatamente il passo Crocetta. (mt 871 - 35 min).
Si svolta a destra, lungo la strada recentemente asfaltata verso Mezzano Scotti, per un minuto, poi si svolta a sinistra sulla carrozzabile sterrata indicata dai segnavia; dopo due minuti si lascia la strada e si svolta a destra sullo stradello in terra battuta.
Dopo un tratto in salita nel bosco si raggiunge una baracca in legno con un cartello che indica “m. Mosso m. 1008”: in realtà ci si trova alle pendici del monte, ad una quota di 923 metri reali; si prosegue ancora per qualche minuto e si raggiunge il bivio con il sentiero 203, che si imbocca a sinistra. (mt 913 - 25 min).
Il sentiero, inizialmente molto sporco, prosegue ben marcato e con segnavia costante, anche se spesso poco evidente, costringendo in più casi ad uscire dal tracciato per aggirare alberi crollati sul piano di calpestio; raggiunta la quota di 960 metri inizia a scendere.
Dopo 5 minuti si esce dal bosco e si incontra un bivio con uno stradello in piano, che si imbocca a sinistra. (mt 859 - 15 min).
Pochi metri dopo, in mezzo alle radure dei Piani di Busseto, si incontra una strada sterrata, che si segue a destra fino ad un ulteriore bivio: verso destra il sentiero 213 porta verso Caprile e Pecorara; si svolta invece a sinistra sul 203 per Cicogni (cartelli CAI parzialmente nascosti dalla vegetazione). (mt 846 - 3 min).
Passati davanti ad una grande casa, si svolta subito a destra in discesa verso i segnavia dipinti su di un albero; dopo dieci minuti di discesa su fondo disagevole si raggiunge un serbatoio dell’acquedotto: da qui si segue la sterrata di accesso all’impianto, fino a trovare l’asfalto. (mt 721 - 12 min).
Si prosegue sul sentiero nel bosco, oltre la strada, fino alle prime case di Cicogni: si svolta a sinistra su asfalto, fino a ritrovare la chiesa e l’autovettura. (mt 701 - 5 min).

Informazioni
A Cicogni sono presenti: Bar-trattoria Alpina, Vicolo Portici, 6, tel. 0523.999116 e il Bar Antica Osteria Cicogni, Via Della Chiesa, tel. 0523.999245.
 
Giardino botanico alpino Pietra Corva: apertura al pubblico: dal 1 aprile al 30 settembre dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 19.00  chiuso il lunedì tel. 0383.580054
A pochi metri dal giardino è presente un bar – ristoro aperto solo in stagione tel. 0383.580172
Scarica la scheda (con immagini)
Scarica la mappa
Itinerario compilato da Achille Menzani - www.piacenzasera.it

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information