Il monte Lesima PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Trekking - Itinerari piacentini
Scritto da Achille Menzani   
Mercoledì 18 Settembre 2013 17:12
Monte Lesima
Partenza
Passo La Colla, in comune di Brallo di Pregola (PV) a 1358 metri
s.l.m.
Come arrivare
• da Piacenza si percorrono la SS 45 fino a Bobbio, quindi la SS 461 fino al passo del Penice, in circa 54 km (dalla tangenziale);
• si resta sulla SS 461 per 800 m., quindi si svolta a sinistra sulla SP 89 seguendo le indicazioni “Pregola – passo del Brallo” e si prosegue per altri 11 km fino al passo del Brallo;
• seguendo le indicazioni “Bocco – Cima Colletta” si imbocca la SP 88 per 4,5 km. fino al rifugio Nassano, quindi si prosegue per 2,3 km. fino al passo La Colla, dove si incrocia la strada sterrata che scende, a sinistra, verso i Piani di Lesima (visibile, al centro dell’incrocio, il cartello del CAI che indica l’attacco del sentiero 101);
• si parcheggia lungo la strada subito dopo il bivio, o in un’ampia piazzola situata 200 metri prima del bivio.
TOTALE da Piacenza km 73 in circa un’ora e 40 minuti
Lunghezza
11 km circa: asfalto circa km. 3; tutto il resto sterrato o sentiero
Tempo di percorrenza
3 h e 30’
Grado di difficoltà
Escursionistico, nessun tratto pericoloso o esposto
Segnavia
CAI 101, 123 e 9
Dislivello
m. 715
Punto più alto
Monte Lesima, 1724 m.s.l.m.
 
 

Itinerario
Dal bivio con la strada sterrata che scende al Pian di Lesima (indicato anche come Piano di Prodonico), si imbocca il sentiero con segnavia biancorosso CAI 101, in direzione “M. Lesima – passo Giovà".
Si sale nella faggeta per una decina di minuti, quindi il percorso spiana, raggiungendo la cima del monte La Colla (m. 1438) ammantata dal bosco, quindi scende alla sella prativa con il monte Terme.
Si risale quest’ultimo (m. 1489) con un percorso prevalentemente all’aperto, su una cresta erbosa, da cui la vista si apre a sinistra sulla valle del torrente Avagnone, tributario di sinistra del fiume Trebbia, e del complesso turistico insediato presso il Pian del Lesima; a destra, ampie vedute della valle del torrente Staffora e del monte Chiappo.
Si scende quindi al passo della Ritorta, dove il sentiero correndo tra vasti pascoli si riavvicina alla strada asfaltata che collega i passi del Brallo e del Giovà. (mt 1448 - 35 min).
Il percorso riprende a salire, tra prati e radi gruppi di faggi, sul crinale che segna il confine tra le province di Pavia (a sinistra) e un piccolo lembo di quella di Piacenza (a destra) fino a quota 1550, dove si incontra su di un albero isolato un cartello del CAI che segnala un bivio: si abbandona il sentiero 101, che continua, a destra, verso il lontano monte Carmo, e si tiene la sinistra, sulla variante 101y verso il monte Lesima. (mt 1550 - 15 min).
Si prosegue sul crinale erboso in costante e impegnativa salita, mentre appare alla vista la vetta del monte Lesima, facilmente individuabile anche da molto lontano grazie al bianco pallone sommitale, che racchiude le installazioni radar dell’Aeronautica Civile.
Raggiunto faticosamente sulla vetta del monte Tartago lo spartiacque tra le valli del Trebbia, del Boreca e dello Staffora, il sentiero si immette nella carrabile asfaltata di servizio agli impianti, che si segue a sinistra, in salita.
Subito dopo il cancello del radar, a sinistra si raggiunge la croce in ferro che segnala la vetta.
Da qui lo sguardo spazia in ogni direzione: a nord la pianura padana fino alle Alpi, a ovest l’Oltrepo’ Pavese, a oriente l’intero corso del Trebbia.
Verso sud-ovest si ammira invece la valle scavata nel durissimo calcare dal torrente Boreca, profondamente incassato tra scoscesi versanti ammantati di foreste; lungo il ripido pendio è ben riconoscibile il piccolo borgo di Artana.
A coronare la più selvaggia delle valli piacentine, i monti Alfeo, Carmo, Cavalmurone e Chiappo. (mt 1724 - 35 min).
Ridiscesi dalla croce, non si ritorna verso il radar ma si tiene la sinistra, in direzione di una fila di piccoli tralicci che portano la corrente agli impianti; tenendoli alla propria destra si inizia a discendere il versante orientale del monte, su mulattiera molto sconnessa, tanto che nei tratti più ripidi risulta più agevole il cammino sul terreno morbido ai lati dello stradello, che è contrassegnato da (rari) segnavia bianco-rossi con la dicitura “Anello del Lesima” (CAI 123).
Dopo più di un quarto d’ora di discesa tra i pascoli, durante la quale si è ammirata la precipite parete est del monte, fortemente stratificata, il sentiero si avvicina al bosco, quindi piegando a destra se ne discosta ancora, per compiere quindi un’ampia curva sulla sinistra nel prato (segnavia poco visibile sulla destra); diventato un viottolo sterrato, entra in piano nel bosco. (mt 1480 - 25 min).
Si tiene la sinistra al primo bivio (foto 10), quindi si raggiunge un altro incrocio, dove si lascia l’ampio stradello, che scende a sinistra, e si svolta a destra sul sentiero meno evidente, sulla destra, seguendo il cartello del CAI che indica “Zerba”.
Si prosegue guidati dai segnavia nel folto della faggeta, e si attraversa una radura, oltre la quale il segnavia riappare sempre dipinto sui tronchi; lo stradello, divenuto più stretto, scende zigzagando tra gli alberi fino ad incontrare la strada asfaltata Brallo-Zerba. (mt 1335 - 20 min).
Si svolta a sinistra sull’asfalto, e, dopo qualche saliscendi, si raggiunge Prato Cavanna; la strada cala poi costantemente fino a raggiungere il complesso turistico di Pian di Lesima.
Pochi passi prima del grande albergo Prodongo, nei pressi di un campo da tennis, si staccano a sinistra due strade: la prima, sterrata, è quella da percorrere per tornare al passo la Colla; la seconda, inizialmente asfaltata, porta all’agriturismo “Sulla via del sale”. (mt 1185 - 40 min).
Dopo l’eventuale sosta, si imbocca la strada sterrata, segnata dal CAI ma senza indicazione del numero (è la n. 9), e camminando senza problemi di orientamento in costante salita si raggiunge il punto di partenza e quindi l’autovettura. (mt 1358 - 40 min).

Informazioni
Agriturismo Sulla via del Sale http://www.sullaviadelsale.it/ tel 0383.500669
Albergo Ristorante Prodongo http://www.hotelprodongo.com tel 0383.500197
A Cima Colletta, poco prima della partenza, è situato il rifugio CAI Nassano tel 0383.500134
Scarica la scheda (con immagini)
Scarica la mappa
Itinerario compilato da Achille Menzani - www.piacenzasera.it

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information