Il monte Alfeo PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Trekking - Itinerari piacentini
Scritto da Achille Menzani   
Martedì 17 Settembre 2013 21:46
Monte Alfeo
Partenza
Bertone, frazione di Ottone (Pc) a 1068 mt slm
Come arrivare
• da Piacenza si percorre la SS 45 per 77 km fino a Gorreto (Ge) (500 metri dopo il confine di Provincia e Regione);
• in paese si svolta a destra seguendo le indicazioni “Barchi – Bertassi – Bertone”;
• dopo 3,3 km, nell’abitato di Barchi, si svolta a destra seguendo “Bertone – Suzzi - Pizzonero”;
• si prosegue per 1,5 km e si tiene la destra seguendo “Bertone – monte Alfeo”
• ancora 3,2 km e si parcheggia all’inizio dell’abitato di Bertone, nel piccolo slargo sulla sinistra della sede stradale.
TOTALE da Piacenza km 85 in circa 1 ora e 45 minuti
Lunghezza
6 km circa, tutti su sentiero
Tempo di percorrenza
2 h e 30 min
Grado di difficoltà
Facile
Segnavia
FIE 2 triangoli gialli - CAI 119 e 111
Dislivello
583 mt
Punto più alto
Monte Alfeo, 1651 mt slm
Quando
Le quote elevate determinano innevamento anche abbondante fino a primavera inoltrata
Bambini
Escursione completamente priva di tratti pericolosi o esposti; qualche tratto in salita ripido e faticoso

Itinerario
Si sale tra le case di Bertone oltre la chiesa, passando alla sua destra, e si raggiunge una fontana coperta da una volta: a destra si ignora il sentiero 111, che verrà utilizzato al ritorno, e si prosegue in piano davanti alla fontana seguendo il segnale “due triangoli gialli”. (mt 1087 - 5 min).
Oltrepassato il voltone di una casa, poco dopo si incontra un’altra fontana, quindi si supera un cancello che sbarra la mulattiera selciata per impedire il passaggio del bestiame.
Si prosegue sulla “strada di Gennaio” ad aggirare la testata della valle del torrente Dorbera, con belle viste sui fianchi boscosi dei monti Ronconovo, Busasca e Zucchello.
A tre quarti d’ora circa dalla prima fontana si nota, dipinto sulle piante alla sinistra del percorso, il primo segnale bianco-rosso del CAI: in questo punto preciso non si prosegue diritto sulla mulattiera, verso i segnali, ma si svolta decisamente a destra, sul sentiero che corre sopra alla carrareccia appena percorsa ma in direzione opposta, anch’esso contrassegnato dalle strisce bianco-rosse. (mt 1340 - 45 min).
Si prosegue in costante ma dolce salita sul sentiero CAI 119, che taglia il ripido pendio coperto d’erba e cespugli, da cui la vista spazia sulla valle e sull’abitato di Bertone, fino a raggiungere un quadrivio: si trascura a sinistra il sentiero 117 che prosegue verso la Val Boreca; pure si ignora, a destra, il sentiero 111a, che scende verso il paese di Bertone.
Si continua, quindi, sul sentiero 119 che sale tra grandi esemplari di faggio verso la cima del monte, seguendo i segnali bianco-rossi CAI e “3 bolli gialli”. (mt 1419 - 15 min).
Subito il sentiero esce dal bosco e prosegue ripido sul limitare della faggeta, che scende a sinistra verso la Val Boreca, in direzione della quale in più punti si apre il panorama: si riconoscono Capannette di Pej e le borgate sorte sul versante occidentale della valle, Bogli e Artana.
Sulla destra l’ampio tappeto erboso, che digrada verso il fondovalle.
Un ultimo faticoso strappo porta alla vetta, contrassegnata dalla bianca statua della Madonna col Bambino. (mt 1651 - 30 min)
Dopo averieammirato a lungo il panorama che si apre in tutte le direzioni, e che comprende, in condizioni di cielo terso, a nord la pianura padana e a sud il mare (in alcune, eccezionali occasioni è possibile intravedere persino le coste della Corsica), si inizia la discesa nella direzione opposta a quella dell’andata, su una traccia di sentiero indicata dal cartello CAI 111 “Gorreto – Bertone”; dopo pochi metri il percorso svolta decisamente a destra (sud), verso una palina del CAI piantata nel prato e ben visibile anche dalla vetta.
La si raggiunge camminando lungo una costa erbosa, molto panoramica sulla val Trebbia e, in primo piano, verso i pascoli dell’altopiano di Prà di Co; a destra, oltre il crinale, si ammirano in lontananza i monti Carmo e Cavalmurone.
Arrivati all’incrocio, si ignora il sentiero 115 che scavalca la recinzione e scende a sinistra verso Campi e Ottone, e si svolta a destra seguendo un (malandato) cartello “111 Bertone – Gorreto” lungo una traccia all’inizio poco evidente, ma che si fa più marcata dopo pochi passi, ed è comunque contrassegnata dal segnavia bianco-rosso sul primo albero disponibile. (mt 1565 - 8 min).
Lasciata la costa si entra quasi subito nella la faggeta, lungo un sentiero a tratti ripido e scivoloso per le foglie secche sul tracciato, tra splendidi esemplari di faggio, secolari e contorti.
Raggiunto un bivio ben segnalato, si ignora il 111a che porta, verso destra, all’incrocio posto a quota 1419 già incontrato all’andata (cartello Tartago – Alfeo – Carmo), e che è parzialmente ostruito da un grande albero crollato al suolo; si prosegue invece verso sinistra, in piano, sul sentiero 111 (Bertone – Gorreto). (mt 1385 - 17 min)..
Tenendo la destra dopo pochi passi si cammina sul sentiero rialzato che piega ancora a destra tra gli alberi (foto 12); pochi minuti dopo il tratturo incontra una radura e prosegue diritto su una stretta traccia nell’erba, recuperando il segnavia dopo poche decine di metri.
In questo punto il tracciato è parzialmente coperto dalla vegetazione ma sempre riconoscibile, anche per la mancanza di veri e propri bivi.
Rientrati nel bosco, si imbocca una mulattiera ampia e lastricata, e si ritrova l’evidente segnavia CAI.
Proseguendo diritto in discesa lungo la carraia, si trascura la deviazione verso sinistra, in salita, indicata da “3 bolli gialli”.
Dopo aver ammirato tra gli alberi, dall’alto, l’ormai vicino abitato di Bertone, si raggiunge un incrocio: si tralascia il 115 che sale a sinistra verso Ottone, e si prosegue a destra in discesa, sempre seguendo il tracciato CAI 111.(mt 1251 - 15 min).
Camminando su di una antica mulattiera lastricata e bordata da muretti a secco, in più punti ormai crollati per mancanza di manutenzione, in un quarto d’ora si raggiungono il paese e l’autovettura. (mt 1068 - 15 min).

Informazioni
Le uniche fontane che si incontrano lungo l’intero percorso sono alla partenza, nell’abitato di Bertone; a Gorreto sono presenti l'albergo - ristorante Miramonti (tel. 010-9543093 www.miramontivaltrebbia.it), il bar Torre (tel. 010-9543033) ed un negozio di generi alimentari (tel. 328-4507000).
Il pratone sommitale del monte Alfeo è particolarmente adatto ad una panoramica sosta per il pranzo al sacco, ma è soggetto a mutamenti delle condizioni meteo anche repentini.
Scarica la scheda (con immagini)
Scarica la mappa
Itinerario compilato da Achille Menzani - www.piacenzasera.it

Ultimo aggiornamento Mercoledì 18 Settembre 2013 08:39
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information