Cerignale, Cariseto e monte delle Tane PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Trekking - Itinerari piacentini
Scritto da Achille Menzani   
Martedì 17 Settembre 2013 15:09
Monte Tane
Partenza
Cerignale (Pc) a 708 mt slm
Come arrivare
• da Piacenza (Galleana) si percorre la SS 45 per 58,6 km, oltrepassando Marsaglia e ponte Lenzino;
• poco prima di Ponte Organasco si svolta a sinistra, seguendo i segnali per Cerignale;
• si prosegue per 5 km, attraversando Carisasca, e si parcheggia nella piazza del Municipio di Cerignale.
TOTALE da Piacenza km 63.6 in circa 1 ora e 10 minuti
Lunghezza
15 km circa, di cui asfalto 0.6 km; tutto il resto sterrato o sentiero
Tempo di percorrenza
5 h
Grado di difficoltà
Impegnativa
Segnavia
CAI 135, 133, 177 e 179 su tutto il percorso
Dislivello
850 mt
Punto più alto
Monte delle Tane , 1175 mt slm
Quando
Tutto l’anno, ma in inverno la presenza di neve, rallentando il passo, può rendere troppo impegnativa e lunga la camminata
Bambini
Escursione priva di tratti pericolosi o esposti, ma lunga e faticosa

Itinerario

Nella piazzetta del Municipio, vicino alla pesa pubblica, una palina del CAI indica più direzioni: ci si incammina verso il borgo antico seguendo l’indicazione “135 - Cariseto” ed il cartello delle “Vie d’Acqua Dolce e Salata - Confiente”.
A pochi minuti dalla partenza il percorso segnato passa tra l’abside della chiesa e i cancelli del cimitero, diventa sterrato e comincia a scendere.
Poco più di una decina di minuti dopo ad una biforcazione si sta sulla destra guidati dal segnavia; ancora 3 min e si trova il 1° cartello del sentiero di Surus, affisso per avvertire che ci si trova sulla coscia dell’elefante.
Il tracciato, in costante discesa, dopo un’ampia svolta sulla destra inizia a costeggiare il corso del Trebbia: da una apertura tra gli alberi si ha una prima spettacolare vista dei meandri del fiume, sovrastati sul versante opposto dai roccioni dei Groppi del Lago.
A 25 min dalla partenza si incontra un bivio: le tabelle Surus invitano a salire a destra su una pista forestale verso la sommità del capo dell’elefante, ma le si ignora e si prosegue a sinistra in discesa guidati dai cartelli del CAI.
Ancora 20 min di cammino e ad un bivio si trascura a sinistra il tracciato che scende a tornante verso il fiume, e si prosegue diritto confortati dal cartello bianco-rosso.
Dopo aver toccato il punto più basso dell’intero percorso a circa 375 mt di quota, proprio sopra la confluenza Aveto-Trebbia, il sentiero si restringe e inizia a salire in direzione sud, lungo il corso dell’Aveto, mostrandone, nei tratti scoperti, gli scenografici meandri.
Si procede in salita per più di tre quarti d’ora risalendo il versante sinistro del torrente e godendo in più occasioni della vista della sua valle, fino a quando il sentiero guada un ruscello sopra una briglia in gabbioni di sassi e raggiunge le prime case di Casale.
Nel piccolo borgo si ritrova l’asfalto in prossimità di una bella fontana, da cui si apre un’ampia vista sull’alta Val d’Aveto, dal monte Grattara (detto anche Gratra) al lontano borgo di Curletti, sovrastato dal m. Carevolo. (mt 623 - 1h e 30 min).
Si prosegue diritto dopo la fontana seguendo i soliti segnavia bianco-rossi e il cartello “Vie d’Acqua Dolce e Salata” lungo uno stradello erboso che esce in piano dal paese. Una decina di minuti dopo da una finestra tra gli alberi si ha una bella visuale del paesino appena attraversato, con la confluenza Aveto-Trebbia e l’abitato di Confiente sullo sfondo, contornato dai monti della Val Trebbia: è ben individuabile il m. Penice, grazie agli alti ripetitori, e alla sua destra la Pietra di Corvo e il m. Mosso.
La salita si fa a tratti ripida, alternando settori ombreggiati dal bosco ad altri scoperti tra le rocce, che offrono lo spettacolo della Val d’Aveto e delle borgate edificate sul suo versante orientale: si riconoscono Brugneto e Casale di Brugneto.
Si passa dai castagni ai faggi, poi si percorre un breve tratto all’ombra di una pineta, piantata per consolidare il versante franoso.
Dopo un breve tratto in discesa si riprende la risalita prima all’ombra e poi tra grossi massi: il sentiero diventa lastricato e corre tra muri a secco, fino ad una pietraia ormai in vista del roccione su cui sorgono i resti del castello di Cariseto.
Raggiunta la strada asfaltata, si abbandona momentaneamente il segnavia e si svolta a sinistra per visitare il piccolo borgo.
Dai ruderi del castello si ha una bella vista sulla lontana Val Trebbia, dal m. Lazzaro al m. Penice, e sulla dorsale formata dai monti Cerello, Ciappei e delle Tane, che separano le valli del Trebbia e dell’Aveto, che corrono in questo punto parallele. (mt 982 - 1h e 25 min)
Dal castello si ritorna sulla strada asfaltata e si cammina nella direzione da cui si è arrivati, uscendo dal paese; si trascura il bivio con il sentiero CAI 135 percorso all’andata, e si continua per 5 min fino ad una fontana.
Qui si lascia l’asfalto, che porta a Cerignale, per svoltare a sinistra in salita su di una mulattiera lastricata in pietra che porta il segnavia CAI 133.
Superati un cancello e un piccolo guado si prosegue diritto fino alla selletta in cui incrociano due tracciati: si lascia il 133 che prosegue a sinistra per Ottone e si svolta a destra sul 177 in direzione “Camping Le Piane - Cerignale”. (mt 1077 - 20 min).
Il sentiero sale sul crinale, tra rimboschimenti di conifere e piccole radure che si aprono tra cespugli di ginepro; quando il percorso, dopo una decina di minuti, spiana su una costa si apre una splendida visuale: verso destra la valle dell’Aveto, verso sinistra si riconoscono i monti Alfeo e Cavalmurone.
Subito dopo si raggiunge un bivio, in cui il segnavia è dipinto in modo ambiguo su di un albero al centro dell’incrocio: si sta a sinistra e si ritrova il segnavia poco più avanti.
5 minuti dopo, un nuovo tratto sul crinale offre una bella vista panoramica verso la Val d’Aveto e lo spartiacque con la Val Nure: il versante opposto a Cariseto è chiuso in alto da una lunga teoria di monti, tra cui si riconoscono il Carevolo, la Ciapa Liscia, il Bue e il Maggiorasca; più lontano a sinistra i monti Menegosa e di Lama.
Il percorso aggira sul fianco sinistro la cima del monte delle Tane, che si lascia a destra, poco panoramica perché coperta da fitto bosco.
Superata quota 1175 mt inizia la discesa, che proseguirà fino all’arrivo, con belle viste sulle borgate edificate sul versante che scende fino ad Ottone.
Si raggiunge l’ incrocio con un ampia strada forestale: si lascia 177 che a sinistra scende a Oneto e si svolta a destra sul 179 seguendo le indicazioni “Selvarezza - camping - Cerignale". (mt 1130 - 30 min).
A quattro minuti dal bivio si passa accanto ad un rifugio in pietra in ristrutturazione, e proseguendo oltre il portico si tiene la destra; entrati nella pineta si cammina da segnavia a segnavia, perché la traccia di sentiero è molto labile a causa dei rami di pino tagliati e disseminati sul piano di calpestio.
Oltre dieci minuti di discesa nella pineta e poi nella faggeta consentono di raggiungere la vasta piana di Selvarezza, occupata da una bella radura erbosa e attrezzata con tavoloni da picnic all’ombra del boschetto; si cammina sul margine sinistro del prato e si raggiunge una carrareccia sterrata in corrispondenza della zona più umida della piana, che si imbocca verso destra in modo da aggirare lo stagno, quasi asciutto d’estate. (mt 1053 - 15 min).
Una decina di minuti di strada sterrata portano a costeggiare un altro stagno, anch’esso asciutto in estate; 5 min dopo ancora un zona umida con postazioni per birdwatching da poco realizzati nell’ambito del “percorso zone umide di Cerignale”.
A poco più di venti minuti da Selvarezza si raggiunge uno spiazzo e si attraversa un grande cancello in rete metallica, realizzato per trattenere gli animali al pascolo, affiancato da due basse costruzioni in cemento.
5 min dopo si ritrova l’asfalto all’altezza dell’incrocio tra la strada asfaltata principale che da un lato va a Cerignale (oltre la quale si intravede il cartello del CAI 135a che scende a Casale e che non ci interessa) e dall’altro porta a Cariseto, e lo stradello asfaltato di accesso al camping, che si imbocca a sinistra.
Si supera il bar e, arrivati all’altezza della sbarra, un segnale dipinto sul palo invita a seguire verso sinistra il sentierino che corre lungo la recinzione del campeggio. (mt 904 - 30 min).
Alla fine della recinzione si prende la strada carrozzabile che scende a sinistra contrassegnata dai segnavia bianco-rossi.
Poco più di 5 min dopo si raggiunge un bivio all’altezza di un cubo in calcestruzzo: si lascia la strada inghiaiata che prosegue a destra e si svolta a sinistra in discesa seguendo il segnavia.
A un quarto d’ora dal camping, dopo un tratto pietroso e disagevole, si attraversa la strada asfaltata e si prosegue sempre su sterrato, seguendo il segnale dipinto sulla cabina ENEL.
Dopo aver costeggiato alcuni canalini di acqua corrente, probabilmente frutto dello scarico di troppo pieno dei serbatoi dell’acquedotto, si raggiungono le prime case di Cerignale, passando proprio accanto all’antico mulino con grande ruota in ferro, ancora utilizzato per la frantumazione dei cereali e delle castagne. Una breve passeggiata tra le belle case in pietra del borgo vecchio riporta in breve al parcheggio. (mt 708 - 30 min).

Informazioni
Alla partenza si trovano negozi di alimentari e l'albergo-ristorante “Del Pino” tel. 0523-939215.
Mezz’ora prima dell’arrivo si transita nei pressi del camping bar ristorante “Le Piane” tel. 0523-939345 www.campinglepiane.it.
A Cerignale, Casale e a Cariseto si trovano fontane.
I tavoli da pic-nic all’ombra dei boschetti di Selvarezza si prestano ad una pausa per consumare il pasto al sacco
Scarica la scheda (con immagini)
Scarica la mappa
Itinerario compilato da Achille Menzani - www.piacenzasera.it

Ultimo aggiornamento Mercoledì 18 Settembre 2013 07:46
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information