Fontanarossa. Chiesa di Santo Stefano, appaltato il restauro PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Gorreto
Scritto da Il Secolo XIX   
Venerdì 02 Luglio 2010 00:00
La chiesa di Santo Stefano a Fontanarossa
Fontanarossa - Chiesa di Santo Stefano
Dopo oltre vent'anni di appelli a vuoto, di colpevole incuria da parte di tutte le istituzioni, di proteste dei cittadini e di tutti gli amanti delle vestigia di archeologia rurale in Val Trebbia, partirà finalmente a luglio il restauro della chiesetta di Santo Stefano a Fontanarossa,nel comune di Gorreto. Dieci mesi di "martellamento" da parte del sindaco di Gorreto Sergio Capelli, coadiuvato dal presidente del Parco Antola Roberto Costa hanno fatto il "miracolo": la Sopraintendenza ai Beni architettonici e paesaggistici della Liguria ha appaltato il primo lotto di lavori a una ditta italiana leader nel settore, la Cooperativa Archeolgica, e il cantiere dovrebbe essere aperto entro luglio.
Lo annuncia lo stesso sindaco Capelli, che fornisce anche qualche dettaglio in più: “Il primo lotto dei lavori -spiega - pari a circa 120.000 euro, consiste nella demolizione del tetto in tegole della chiesa, il consolidamento della struttura e la copertura con pietre, le antiche 'ciappe', per rispettare rigorosamente la struttura originale”. Un buon punto di partenza, per una chiesetta antica quasi quanto il piccolo borgo, che ormai da decenni era sottoposta alle ingiurie del tempo e rischiava di restare un rudere dimenticato. “Poi ci sarà il completamento dei lavori - prosegue il sindaco - per il quale saranno necessari altri 150.000 euro, che cercheremo di reperire dalle istituzioni e dalle offerte di cittadini o enti benefici: si dovrà fare la pulizia interna ed esterna della struttura, delle superfici colorate, la sistemazione delle lapidi del piccolo cimitero, la ricerca di eventuali affreschi e l'illuminazione”.
La storia di abbandono della chiesetta di Santo Stefano era stata evidenziata meno di un mese fa dal Secolo XIX, che aveva dato spazio alle proteste di un abitante del borgo, Marco Gallione, evidenziando lo stato di incuria di questa preziosa perla del passato che per anni e anni era stata lasciata decadere ad onta del suo valore.

Mara Queirolo

(Articolo tratto da Il Secolo XIX del 02/07/2010)
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information