Zerba, ho aperto un’osteria per salvare il negozio PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Zerba
Scritto da Barbara Sartori   
Giovedì 04 Luglio 2019 00:00

Mereni e Borrè

In inverno a Zerba i residenti sono 11, una cinquantina se si conta il territorio limitrofo. In certi periodi dell’anno, ha anche tre clienti a settimana. “Il negozio lo hanno aperto i nonni. Ma se volevo mantenerlo, per assicurare un servizio, dovevo inventarmi qual cosa: il 14 luglio 2018 è nata l’osteria”. Claudia Borré Zerba ce l’ha nel dna e nel cuore, tanto da impegnarsi come sindaco. Il suo mandato è scaduto lo scorso maggio. Zerba è uno di quei Comuni che, per scongiurare il pericolo di commissariamento legato al quorum in caso di candidato unico, ha creato una lista “civetta”, con a capo il cuoco dell’osteria, Paolo Mereni. “Gli aventi diritto sono 118, all’ultima tornata avevano votato in 56. È la terza volta che siamo costretti a fare il listino. Solo i manifesti elettorali sono costati 1000 euro più Iva e bisogna farli per forza... Si parla di più di montagna di una volta, in tutte le sedi istituzionali e in Regione, con bandi specifici, ma al di là di questo niente più”. La speranza viene da chi si trasferisce qui per avviare un’attività. “La verità è che per lavorare bisogna spostarsi molto”. L’osteria, 45 coperti, nei fine settimana è piena. “La sera è bar, centro di aggregazione. La gente vive sparsa e altrimenti starebbe a casa. Almeno c’è un luogo per ritrovarsi”.

Barbara Sartori
 
(Articolo tratto dal N° 24 del 4/07/2019 del settimanale “La Trebbia”)
 

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information