Consegnata a Ottone la nuova ambulanza, dono dei lettori del quotidiano “Libertà” PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Ottone
Scritto da Marco Gallione   
Martedì 20 Agosto 2019 17:35

Consegna ambulanza

L’ambulanza di Ottone, quella chiesta e mai ottenuta per anni, è finalmente arrivata. C’era don Domenico a benedirla, il sindaco Federico Beccia in fascia tricolore a plaudirla: fa notizia perché è il simbolo di una terra che, unita, ha abbracciato la sua sorella di montagna e non l’ha lasciata sola fino a farle toccare quota 76mila euro, necessari per l’acquisto del mezzo capace di mandare in pensione la storica “Ottone1”, vecchia di 20 anni e anche di recente rifinita in officina perché proprio non ce la faceva più; fa notizia perché Ottone è il simbolo della montagna, al confine con Genova, selvatica, schietta, meravigliosa nelle sue architetture, nelle insegne dei vecchi negozi che chiamano già i carruggi, nella piazzetta senza tempo del municipio. Ed è stata festa alla presenza anche dei benefattori che hanno sentito quell’ambulanza parte della loro storia. «Una grande emozione», ha detto la presidente di Croce Rossa Ottone Giulia Marena. «Non avremmo mai pensato di arrivare all’acquisto della nuova ambulanza. Ora siamo qui grazie all’iniziativa e al sostegno di Libertà si è creata una catena solidale capace di portare anche 12 nuovi volontari». Al direttore di Libertà Pietro Visconti è stato quindi consegnato un riconoscimento: «C’è stata una sensibilità giornalistica e umana nel sottolineare un bisogno ma c’è stata anche la capacità di tradurlo in iniziativa. Sono contento di far parte di una comunità territoriale. Ritrovo qui lo spirito del poeta Giorgio Caproni, ritrovo la bellezza di questa terra. E sono felice che il nostro lavoro sia stato aderente a un bisogno, perché vi fosse data risposta». Dal sindaco Beccia la sottolineatura dell’importanza del mezzo che ha acceso sirene e luci blu: «Siamo distanti 30 chilometri dal primo centro di primo soccorso. Il puzzle della solidarietà ha visto aggiungersi ogni giorno un pezzo. Noi continueremo a credere in questa nostra terra, e a difenderla». «Un giornale è qualcosa di vivo, ha un cuore, e Libertà è riuscita a trasmettere un’emozione puntellando l’emergenza di Ottone nel l’avere un’ambulanza», ha detto il giornalista Schiavi. «La corsa alla solidarietà è stata una lezione di civiltà. Il sentimento è diventato operazione collettiva. Qui a Ottone vedo oggi il bello di questo Paese, la forza dell’Italia che non si arrende. E ci rende tutti migliori».

Elisa Malacalza

(Articolo tratto dal n° 29 del 8/08/2019 del settimanale “La Trebbia”)

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information