Superata ogni previsione nella raccolta fondi per l’ambulanza di Ottone: oltre 76mila Euro PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Ottone
Scritto da Libertà   
Mercoledì 17 Aprile 2019 22:08

Superata ogni previsione nella raccolta fondiper l’ambulanza di Ottone: oltre 76mila Euro

Tutti ammettono con un sorriso e gli occhi lucidi: «Onestamente non avremmo mai creduto che venisse raggiunta una simile somma. Sono tanti soldi...». Diamole forma, allora: sono precisamente 76.396,44 gli euro raccolti in un pugno di settimane sul conto corrente aperto da Libertà il 19 dicembre 2018 per dare un’ambulanza a Ottone. Ma a questi vanno aggiunti i decimali della lezione più grande, quelli che non si contano in moneta ma col battito del cuore. Con la speranza della gente non si scherza. E neppure con la credibilità di un editoriale che, unico caso in Italia, ha messo faccia e risorse perché nessun cittadino si sentisse di “serie B” solo perché nato a 70 chilometri da Piacenza su una strada tutta curve come la Statale 45. Alla battaglia contro la sfiducia si sono uniti in tanti, tantissimi. Così, a un ritmo di mille euro al giorno, il sogno è diventato opportunità e l’opportunità è diventata realtà. Ieri il maxi assegno è stato consegnato dalla presidente di editoriale Libertà Donatella Ronconi ad Alessandro Guidotti, presidente della Croce Rossa provinciale, e Giacomo Capelli, volontario della Croce Rossa di Ottone, presenti il direttore di Libertà Pietro Visconti e il direttore di Telelibertà Nicoletta Bracchi. «La nuova ambulanza, grazie a questa incredibile ondata di generosità, arriverà a luglio a Ottone e sarà fondamentale per tutta l’alta Valtrebbia», ha spiegato Guidotti. «L’ambulanza ordinata, un mezzo avanzato 4x4, ha un valore di 62.500 euro. I soldi restanti potranno dunque essere reinvestiti per l’acquisto di ausili, attrezzature sanitarie e un nuovo defibrillatore per il paese. Grazie di cuore a tutti ». «Proprio in questi giorni si sono rotte le sospensioni della nostra storica ambulanza, la “Ottone 1”, vecchia ormai di 20 anni», ha aggiunto il volontario Capelli. «Un nuovo mezzo è dunque davvero urgente come abbiamo più volte sottolineato. Da soli non saremmo mai riusciti neanche a sognare la nuova ambulanza. E invece ora la aspettiamo con gioia. Ci commuove sapere che arriva dalla generosità di tanti cittadini». Per il direttore Visconti: «Questa raccolta fondi è stata segno di concretezza e generosità. Il merito pratico va ai lettori, che hanno riconosciuto il diritto alla salute anche in terre percepite da tanti come distanti ». La presidente Ronconi, comunque, ne era sicura: «Quando Libertà chiama la gente risponde, da sempre, perché sa che può fidarsi della nostra trasparenza. Siamo felici di questo risultato».


Quindici nuovi volontari entrano nella famiglia dei soccorritori

Libertà, il 19 dicembre scorso, ha aperto un conto corrente perché la richiesta di aiuto dei volontari di Ottone non cadesse ancora una volta nel vuoto. Ma c’è stato anche un altro effetto, che è andato oltre il valore economico: è l’affetto per la propria comunità ritrovato in tanti ottonesi - anche se ora residenti a Genova o a Piacenza - pronti a entrare a far parte della famiglia di Croce Rossa dell’alta Valtrebbia, dove oggi si contano circa 25 volontari.  Da tempo infatti non venivano più organizzati in loco i corsi di formazione per nuovi aderenti: a maggio, come garantito da Alessandro Guidotti di Croce Rossa Piacenza, i formatori andranno direttamente in alta Valtrebbia per preparare le quindici persone che hanno dato la propria disponibilità. «Per noi è importante riscontrare la vicinanza della comunità, è uno stimolo per fare sempre meglio», ha sottolineato Giacomo Capelli della Croce Rossa di Ottone. Ancora ad aprile sono arrivati gli ultimi aiuti, nonostante la cifra necessaria per l’acquisto dell’ambulanza fosse stata raggiunta e superata: gli alpini di Perino hanno cucinato polenta per tutti, per sostenere l’associazione dell’alta Valtrebbia; il Lions Club di Bobbio, dopo aver contributo negli scorsi mesi con una generosa offerta per l’acquisto della nuova ambulanza, ha donato in aprile anche un plafond di 300 euro da utilizzare nella farmacia di Ottone per acquistare beni utili. Il sindaco di Ottone Federico Beccia ha proposto infine al consiglio comunale di dedicare alla giornalista Elisa Malacalza e a Libertà il riconoscimento “Amici di Ottone”.

Da Libertà

(Articolo tratto dal N° 15 del 18/04/2019 del settimanale “La Trebbia”)

Ultimo aggiornamento Mercoledì 17 Aprile 2019 22:24
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information