Inaugurata ad Ottone la mostra del Bronzetto del monte Alfeo PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Ottone
Scritto da Gian Luigi Olmi   
Giovedì 30 Agosto 2018 00:00

Inaugurata ad Ottone la mostra del Bronzetto del monte Alfeo

Il “Bronzetto del monte Alfeo”, pregevole statuetta votiva risalente al periodo etrusco, è stato presentato nel Museo d’arte Sacra di Ottone. La manifestazione, svoltasi il 19 Agosto scorso e patrocinata dal Comune nel piccolo ma funzionale polo museale cittadino, ha visto la presenza di un pubblico attento ed interessato.
Alle parole d’apertura del Sindaco Dott. Federico Beccia, che h a i llustrato le finalità dell’incontro, ha fatto seguito l’intervento dell'Avv. Corrado Sforza Fogliani che – sempre attento ai valori culturali di Piacenza e della sua provincia - non ha mancato di rilevare come il prezioso reperto sia testimonianza della vitalità storica ed e conomica del nostro Appennino.
Anche l’Assessore alla Cultura del Comune di Piacenza Dott. Polledri che ha agevolato con squisita cortesia lo spostamento temporaneo dell’opera dal Museo Farnese alla sede di Ottone, ha avuto parole compiaciute per aver potuto dare ai presenti una meritata occasione d’arricchimento culturale.
Un dotto commento dell’opera esposta è stato infine affidato al Prof. Attilio Carboni che si può ormai considerare il padre putativo delle antichità ottonesi.Dopo il dono di una targa ricordo al Sig. Giacomo Molinelli, scopritore del bronzetto, l’inaugurale taglio del nastro ha aperto al pubblico la visione dell’antica statuetta esposta in un’elegante vetrinetta della sala.

Il bronzetto e le vicende del rinvenimento 

Bronzetto del monte Alfeo

Sul rinvenimento di questo antico reperto può essere opportuna una breve nota di cronaca. Nel 1953, durante uno scavo eseguito sulla vetta del monte Alfeo volta a predisporre il basamento per una statua della Madonna voluta dal vescovo Pietro Zuccarino, venne ritrovata in modo del tutto casuale una piccola statua in bronzo.
L’antico manufatto scoperto e provvidenzialmente segnalato dal Sig. Giacomo Molinelli di Bertone, è l’immagine di una figura maschile, alta circa 19 centimetri, protesa nell’atto d’offerta alla divinità.
Per gli antichi popoli Liguri le sommità dei monti costituivano veri santuari, luoghi sacrali e sedi propizie ad avvicinare l’uomo al trascendente in un rapporto quasi diretto con il cielo.
In quei secoli remoti il seppellire in luoghi elevati immagini di carattere propiziatorio rispondeva ad un culto generalmente diffuso in tutta l’area celtico ligure. Il devoto portava la statuina alla montagna seppellendola in una buca scavata sul momento con ciò sentendosi partecipe del divino. Questi riti, trattandosi di popolazioni prevalentemente dedite alla pastorizia, si ripetevano ogni anno sul finire dell’estate prima della transumanza.
La figurina dell’Alfeo (che arbitrariamente si è voluto indicare come il dio Hermes) risponde pienamente alla modellistica di tali prodotti votivi predisposti (forse in piccola serie) da artigiani che - influenzati da  reminiscenze dell’arte greca - ripetevano in modo quasi codificato la postura della figura e gli utensili che la caratterizzavano. Questi modelli di minuscola statuaria ripetevano la figura nel gesto di protendere con la mano destra la patéra, una specie di piatto con un tondo rialzo centrale usato anche dai Romani nei sacrifici.
Il braccio sinistro dell’offerente sorreggeva di norma un manto o un drappo e il palmo della mano aperta indicava spesso un gesto supplice. Talvolta la mano sinistra impugnava il lituo, specie di bastone sacro arcuato all’estremità superiore usato dagli antichi àuguri.
Il bronzetto dell’Alfeo, riconducibile al tardo periodo dell’arte etrusca (II° - I° sec. a.C.), è ascrivibile a quella fase della scultura che, con termine libero, si è soliti definire “alessandrina”. Tale carattere stilistico - in aggiunta alla posizione dinamica delle gambe e del busto, è pure indicato dalla la folta e libera capigliatura non più bloccata nelle elaborate acconciature presenti nei modelli arcaici. La composizione plastica della figurina ottonese si ripeteva anche nel “Bronzetto del monte Penice” che - rinvenuto nel 1924 in occasione dello scavo per la costruzione della prima strada alla vetta - è poi finito nella collezione del castello di Montegalletto di Genova. Purtroppo di tale reperto non si ha documentazione fotografica.
Questo ulteriore ritrovamento, simile ad altri avvenuti nella zona tosco-emiliana, induce a pensare che la diffusione del culto si estendesse in tutto il nostro Appennino non potendosi escludere che, dal monte Penna all’Antola, altri bronzetti giacciano sepolti.
I mezzi moderni di ricerca archeologica ne agevolerebbe oggi il rinvenimento senza poter dare però significativi apporti storico-artistici. Penso quindi sia meglio lasciar riposare queste testimonianze della pietas umana nel sonno eterno, avvolte dal silenzio sulle cime dei nostri monti.

Gian Luigi Olmi

(Articolo tratto dal N° 29 del 30/08/2018 del settimanale “La Trebbia”)
 

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information