Crolla Ponte Lenzino sulla Statale 45 “Gli ultimi controlli 5 mesi fa” PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Statale 45
Scritto da www.piacenzasera.it   
Sabato 03 Ottobre 2020 00:00

Crollo di Ponte Lenzino

Ponte Lenzino di Marsaglia, crolla la campata centrale che si è letteralmente sbriciolata, come si vede dalle foto, sul greto del Trebbia. Non ci sono vittime o dispersi, quando si è verificato il crollo fortunatamente nessuno stava transitando sul quel tratto di strada.
Il crollo si è verificato nel primo pomeriggio del 3 ottobre. Il cedimento è avvenuto nel tratto di viadotto sul fiume Trebbia lungo la Statale 45 che ora è interrotta. Il ponte attraversa il Trebbia tra i Comuni di Corte Brugnatella e Cerignale. Secondo alcuni testimoni il cedimento è avvenuto repentinamente e pochi secondi prima sarebbe transitata una coppia a bordo di un mezzo. Il fiume Trebbia si era ingrossato nella mattinata a causa delle piogge notturne, ma non aveva raggiunto un livello tale da far pensare a un effetto così distruttivo. Anas ha avviato una indagine tecnica per approfondire le cause del cedimento. I tecnici sono giunti sul posto per gli accertamenti del caso. Nella serata il viadotto è stato posto sotto sequestro dalla magistratura.
La Provincia ha subito allertato Anas (proprietaria dell’infrastruttura) che ha inviato sul posto i propri tecnici. Anche i vigili del fuoco sono giunti in loco così come i sanitari della Croce Rossa, i carabinieri con il comandante della compagnia di Bobbio Antonino Barbera, una pattuglia della polizia, gli agenti della polizia locale e i carabinieri forestali. Il viadotto era stato oggetto di lavori di revisione alcuni anni fa. Ora la parte alta della Val Trebbia è isolata per l’interruzione dell’arteria e per raggiungere i centri abitati è necessario compiere un giro molto ampio.
Il sindaco di Corte Brugnatella Mauro Guarnieri sottolinea che il ponte era monitorato con regolarità: “Gli ultimi controlli sono stati eseguiti solo 5-6 mesi fa, i tecnici sono venuti a fare i carotaggi e ci hanno detto che era staticamente a posto. Questa situazione crea un grave danno all’economia locale, abbiamo aziende che utilizzano la Statale ed ora dovranno fare giri molto più larghi. Auspichiamo che ci siano velocemente i lavori e che Dio ce la mandi buona”.
“Lanciamo sempre tanti allarmi. Purtroppo dobbiamo aspettare situazioni come questa – intervene il primo cittadino di Bobbio, Roberto Pasquali -. Io credo che Anas debba prendere in mano la situazione: sta facendo un lavoro ottimo sulla Statale 45, con l’allargamento della sede viaria. Quello che è importante, però, è curare le infrastrutture come questa, perché sono davvero a rischio. Lungo la 45 di viadotti come questo ce ne sono diversi. La situazione in Alta Valtrebbia è drammatica: è isolata. Ci sono strade alternative, ma difficilmente percorribili per il trasporto commerciale. Dovremo trovare una soluzione veloce, per non penalizzare troppo l’economia”.
Massima collaborazione della Provincia di Piacenza, predisposta dalle autorità la viabilità alternativa –  Pur non essendo di competenza provinciale, l’ente di via Garibaldi si è immediatamente attivato per collaborare con tecnici e forze dell’ordine per assicurare la massima collaborazione e individuare i percorsi alternativi al fine di minimizzare i disagi all’utenza, conseguenti al crollo del ponte Lenzino in alta val Trebbia. Lo recita una nota ufficiale di Palazzo Garibaldi. ‘E’ un altro duro colpo per tutto il nostro territorio – commenta il Presidente Patrizia Barbieri -. Sono in stretto contatto con il Prefetto, Anas e i Sindaci del territorio per seguire da vicino l’evolversi della situazione ed esprimo loro tutta la mia vicinanza’.
La Provincia si è resa immediatamente disponibile a collaborare e supportare Anas nella posa della segnaletica per il percorso alternativo che prevede il transito lungo la strada provinciale 73 Lago (tra Marsaglia e ponte Lenzino) fino a Pieve Montarsolo, per poi proseguire verso Pratolungo sino alla strada provinciale 186 (in provincia di Pavia), in direzione della Statale 45. Dopodiché si può percorrere il ponte sul fiume Trebbia lungo la strada provinciale 24 fino alla Statale 45 in località Ponte Organasco.

https://www.piacenzasera.it/2020/10/ponte-lenzino-a-bobbio-crollano-due-campate/355872/

La testimonianza: “E’ venuto giù secco, pochi secondi prima è passata una coppia”

“Sento ancora i brividi dopo quello che ho visto”. Sono le parole di una delle persone che ha assistito al crollo di Ponte Lenzino. Abbiamo raccolto la testimonianza di due persone che hanno visto gli attimi del cedimento repentino del viadotto.
“E’ venuto giù secco – racconta un testimone – in 5 secondi. Meno male che poco prima è riuscita a passare una coppia, marito e moglie, sono passati 30 secondi prima del crollo e poi si sono fermati al bar. A un certo punto ho visto il ponte che stava cedendo, ho detto ma si sta muovendo…”.

https://www.piacenzasera.it/2020/10/la-testimonianza-e-venuto-giu-secco-pochi-secondi-prima-e-passata-una-coppia-video/355899/

Bonaccini: “Fatto grave, chiarire responsabilità” Sopralluogo di Priolo

Maltempo. Crollo ponte Lenzino nel piacentino, sulla strada statale 45, Bonaccini: “Fatto grave, chiarire le responsabilità. Noi pronti a fare tutto ciò che serve per il territorio e le comunità locali”.
“Bisogna capire cosa sia successo, con Anas che da tempo era chiamata alla messa in sicurezza della strada statale 45 e del viadotto. Non c’è più tempo, accelerare col piano di messa in sicurezza del Paese e i progetti che abbiamo segnalato per tempo entrino nelle priorità del Recovery Fund”. L’assessore regionale Irene Priolo e la responsabile della Protezione civile regionale, Rita Nicolini,  sul posto per valutare gli interventi necessari. “Sono a Ponte Lenzino – spiega Priolo – per constatare di persona l’accaduto. La Val Trebbia ora è spezzata in due e bisogna fare tutto il possibile per sistemare il ponte: la Regione è pronta a fare la sua parte, è una vera priorità. Toccherà invece alla magistratura accertare l’accaduto e responsabilità, nell’auspicio di tempi rapidi per avviare il prima possibile i lavori”.
“Siamo pronti a fare tutto ciò che sarà necessario per il territorio e le comunità locali. Le nostre strutture e la Protezione civile regionale si sono subito attivate. Anas, che gestisce la Strada statale 45 e il ponte crollato, deve ora garantire rapidamente la viabilità alternativa. Oltre al chiarimento delle responsabilità di fronte a un fatto così grave, con la stessa Anas che da tempo era chiamata ad assicurare la messa in sicurezza della statale 45 e del viadotto, aperto un anno fa anche al traffico pesante, dopo verifiche sulla sua tenuta”. Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, dopo il crollo del ponte Lenzino, nel comune di Corte Brugnatella, appennino piacentino, nel pomeriggio di oggi. L’assessore regionale alla Protezione civile, Irene Priolo, e la responsabile dell’Agenzia di Protezione civile regionale, Rita Nicolini, si sono recati sul posto per valutare gli interventi necessari.
“L’ennesimo fenomeno di maltempo estremo, che nel resto d’Italia sta causando vittime e danni ingenti alle cose – prosegue Bonaccini – rappresenta ormai una drammatica ordinarietà e segnala non solo l’urgenza di accelerare col piano di messa in sicurezza del Paese, ma che i progetti di prevenzione che per tempo abbiamo segnalato e perfezionato entrino subito nell’elenco delle priorità dell’impiego del Recovery Fund. Non c’è più tempo – chiude il presidente della Regione – davvero simili fatti debbono trovare ora una risposta di scala diversa”.

https://www.piacenzasera.it/2020/10/crollo-del-ponte-bonaccini-fatto-grave-chiarire-responsabilita/355913/

Il Ministro De Micheli: “Indagine di Anas per accertare le cause”

La Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli è rimasta in costante contatto con le autorità locali sulla vicenda del crollo del Ponte Lenzino sul fiume Trebbia, in provincia di Piacenza.
“Ho sentito sia il prefetto Daniela Lupo – afferma – che la presidente della Provincia Patrizia Barbieri e il sindaco di Cerignale Massimo Castelli, che mi hanno confermato che non ci sono persone coinvolte nel cedimento del ponte e mi hanno comunicato che è stata predisposta una viabilità alternativa per garantire l’accessibilità ai centri abitati della valle. Mi sono confrontata anche con il Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli e con l’amministratore delegato di Anas Massimo Simonini, il quale mi ha assicurato l’avvio di un’indagine immediata per accertare le cause del crollo”.“Nei prossimi giorni sarò a Ponte Lenzino – conclude – per valutare personalmente la situazione e definire insieme alle autorità locali le modalità di ricostruzione del viadotto”.

https://www.piacenzasera.it/2020/10/il-ministro-de-micheli-indagine-di-anas-per-accertare-le-cause/355918/ (03/10/2020)

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information