Claudio Burlando: Il mio sogno è una strada simbolo della vallata più bella del mondo PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Statale 45
Scritto da Elisa Malacalza   
Giovedì 19 Febbraio 2015 18:39

Claudio Burlando“In Valtrebbia era nata mia mamma, pochi chilometri dopo Ottone. Ho un legame affettivo con questa terra, la conosco palmo a palmo. Da quando abbiamo investito sulla Statale 45 genovese i risultati si sono visti. Penso alla spopolamento del nostro entroterra, alle problematiche della montagna. Una strada sicura è un ottimo investimento, senza quella non si va da nessuna parte”.
Il presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, ex ministro ai trasporti, parla al telefono liberamente. Per ottenere un piccolo confronto con lui è bastato inviare una mail al sito della Regione.
Tempo poche ore, il contatto, per chiedere cosa significhi quell'annuncio sulla sua Facebook: "Strada Statale 45. Il 29 dicembre è stato pubblicato il bando per un nuovo lotto di adeguamento della viabilità in località Ponte Trebbia, nel comune di Torriglia. Verrà realizzata anche una nuova galleria e i paesi della Valtrebbia saranno un po' piu vicini".
Presidente, non solo a Genova si parla di interventi ordinari, ma anche straordinari: una nuova galleria, in primis. Un sogno per Piacenza.
“Le offerte vanno presentate entro il 25 febbraio, poi si procederà all'aggiudicazione e potranno cominciare i lavori. Ne abbiamo parlato a lungo con i sindaci della valle. Credo che in questi anni sia stato fatto un gran lavoro per questa vallata. Nonostante la crisi economica, ottenere un finanziamento da Anas è ancora possibile. Interverremo nei punti più brutti, dove ci sono una serie di curve oggi rischiose”.
Questi interventi sul versante genovese sono vanificati dall'assenza di progettualità sul tratto piacentino? La statale, di fatto, andrebbe considerata un unicuum da Piacenza al mare. Una strada panoramica, che attraversa una incredibile terra di tradizioni, una food valley di qualità, elogiata anche nelle ultime settimane dai media di tutta Europa.
“Certo, se la Statale piacentina fosse in condizioni migliori sarebbe decisamente meglio, per tutti, anche per noi. Così l'intervento rischia di diventare mutilo. C'è una parte che va "avanti", e l'altra che resta "indietro". E’ evidente. Eppure la 45 sarebbe una splendida alternativa all'autostrada, in tempo di crisi. Un aiuto al pendolarismo e alla montagna. Il mio sogno sarebbe davvero quello di vedere la 45 diventare la strada simbolo della vallata elogiata da Hemingway come "la più bella del mondo". C’è bisogno però che l'Emilia-Romagna faccia la sua parte».
L'occasione di Expo 2015 non sembra essersi tradotta in un'opportunità per la vallata. Se la fiera poteva essere volano di progetti, quello di creare un "corridoio verde" - con prese energetiche per auto elettriche- lungo tutto l'asse Piacenza-Genova si é tradotto in un nulla di fatto.
“Ormai è tardi, bisognava ragionarvi prima. La fiera apre a maggio”.
Presidente ma, statale a parte, sarà possibile rinegoziare l'accordo tra Piacenza e Genova per il rilascio dell'acqua dalla diga del Brugneto?
“Non litighiamo. Noi abbiamo il problema opposto. Negli ultimi anni il nostro problema è stato l'acqua. Ne abbiamo avuta davvero troppa”.

Elisa Malacalza (da Libertà)

(Articolo tratto dal N° 7 del 19/02/2015 del settimanale “La Trebbia”)


 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information