Statale 45, i sindaci chiedono una strada sicura. “Dov’è l’accordo del 2009?” PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Statale 45
Scritto da Marco Gallione   
Lunedì 10 Giugno 2013 00:00

Statale 45

“Il 30 maggio il presidente di Anas nazionale Pietro Ciucci era a Torriglia a pochissimi chilometri da Ottone ma Piacenza non è stata invitata e nessun rappresentante del nostro territorio si è presentato. Sì, certo, perché il progetto del 2009 di siglare un accordo tra Piacenza e Genova a Ottone è stato affossato, nonostante la Liguria abbia sempre accolto con favore i nostri inviti. Che fine ha fatto quella bozza di accordo?”.
Lo ha detto il sindaco di Ottone, Giovanni Piazza, ma la voce dei sindaci, oggi in Provincia alla presenza dell’onorevole Paola De Micheli del Pd e del consigliere regionale Stefano Cavalli della Lega Nord, è una sola: si deve agire sulla statale 45, si deve fare presto, non si possono perdere altre occasioni. L’ultima voragine di quattro metri aperta in località Curiasca, vicino a Marsaglia, è la dimostrazione del degrado in cui si trova l’arteria stradale che collega Piacenza al mare. Le condizioni della statale sono infatti peggiorate ancora dopo le piogge del fine settimana.
“Siamo tutti arrabbiati – ha detto l’onorevole De Micheli -. Ci sarà un decreto che dovrebbe vedere la luce a fine giugno, all’interno del quale sono previsti interventi per Anas. Teniamo monitorata la situazione e aggiorniamoci entro l’inizio dell’estate per vedere i possibili sviluppi”.

http://www.liberta.it (10/06/2013)

Statale 45, Trespidi: "Invitato il ministro Lupi per un sopralluogo"

"Dobbiamo restare uniti, lavorare insieme approfittando della conformazione un po’ particolare di questo Governo. Un’unicita’ che può rappresentare un treno da non perdere. Facciamo squadra per valorizzare il territorio". L’onorevole Pd Paola De Micheli avanza questo suggerimento ai sindaci dei Comuni della Statale 45, riuniti oggi in Provincia insieme ai consiglieri per una ricognizione sulle criticità della strada statale della Val Trebbia, e si assume due impegni: riuscire a portare a casa piccoli interventi per Anas, ma di grande utilità per il territorio e le imprese, oltre alla messa a gara di interventi che risultano essere già cantierati.  "Mi impegno ad aggiornarci prima dell’estate e poi a tenere incontri periodici - dice la parlamentare Pd - per informarvi della situazione". 
I SINDACI - "Noi non siamo assolutamente divisi - dice Marco Rossi, primo cittadino di Bobbio - sulla Statale 45, le cui condizioni sono assolutamente vergognose. Siamo in piena emergenza". "Abbiamo la fortuna di avere un ministro alle Infrastrutture, Maurizio Lupi, che è lombardo e quindi conosce bene il nostro territorio - aggiunge Massimo Castelli, sindaco di Cerignale - lavoriamo nella parte alta della valle perché anche la 45 rientri nel progetto di Expo 2015. Questa era una strada che univa più Regioni, ed è in questa ottica che deve essere affrontato il suo recupero".
"Il sogno di Castelli è il sogno di tutti, che era anche già partito: nel 2009 si era partiti con un tavolo d’incontro con la Regione Liguria e la Provincia di Genova. Avevamo preparato un documento, cui non è stata data attuazione - sottolinea il sindaco di Ottone Giovanni Piazza -. In Liguria arriveranno 44 milioni di euro, che serviranno a migliorare le condizioni della 45 sul versante ligure, per noi questo comporterà una riduzione del tragitto di 8 minuti. Anche noi avevamo i nostri progetti, rimasti fermi perché forse si temeva che il sottoscritto facesse troppo bella figura. Adesso chiediamo che quel percorso venga ripreso".
VALTREBBIA TAGLIATA IN DUE - "Sta iniziando la stagione estiva e la Valtrebbia rischia di essere tagliata in due - lancia l’allarme il presidente del consiglio provinciale Roberto Pasquali -. Se a Bobbio scende una frana, siamo isolati perché quella è l’unica strada percorribile. Mi chiedo: i soldi, prima che crollasse il ponte di Piacenza, non c’erano eppure il nuovo viadotto è stato realizzato. Quindi questa cosa vuol dire? Che non possiamo ragionare solo con la logica dell’emergenza".
"A Bologna, insieme ai consiglieri piacentini Marco Carini e Andrea Pollastri, mi impegnerò per far approvare una risoluzione - interviene il consigliere regionale della Lega Nord, Stefano Cavalli - per far si che la Regione si impegni per la Statale 45. Qui non conta il colore politico, conta solo il bene del territorio, come è successo per San Salvatore. Li abbiamo fermato il progetto perché abbiamo saputo fare squadra".
"In Valnure abbiamo pagato l’essere stati sempre divisi. Io sono stato accusato dall’ex sindaco di Ferriere, Antonio Agogliati, di non interessarmi abbastanza della statale Valnure. Invece voi sindaci della Valtrebbia siete da ammirare" dice il consigliere del gruppo misto Bruno Ferrari. "Questi interventi non sono medicine, ma farmaci salvavita - dice Marco Bergonzi, capigruppo Pd - lo stato della 45 e’ competenza di tutti, dei cittadini che utilizzano questa strada. Se volete fare un sit in io ci sono".
"Quando fu proposto quel protocollo con Genova, abbiamo coinvolto la Provincia genovese. La scelta di Ottone e’ funzionale, perché dimostra come la 45 unisca due Regioni diverse - interviene il presidente Massimo Trespidi -. Abbiamo individuato, insieme a un serie di sopralluoghi, alcune criticità importanti che fanno riferimento alla messa in sicurezza di alcuni tratti fondamentali tra Bobbio e il confine con Genova, e poi l’altro tratto da sistemare è quello tra Cernusca e Rivergaro". "Per quanto riguarda il tratto tra Bobbio e il confine ligure dobbiamo puntare alla messa in sicurezza, mentre per il secondo (tra Cernusca e Rivergaro) dobbiamo migliorare la percorrenza. Sono temi che ho già presentato al ministro Maurizio Lupi, che ho incontrato nei giorni scorsi, invitandolo a verificare di persona la situazione o prima dell’estate o subito dopo".
Il dirigente Stefano Pozzoli parla di situazione "veramente preoccupante, le condizioni della 45 stanno peggiorando, ho visto un tratto interessato da una frana, lungo il vecchio tracciato della Statale vicino a Barberino, e dove la strada e’ effettivamente impraticabile". L’assessore Sergio Bursi conclude con una considerazione personale. "La sicurezza deve essere una priorità. Bene l’azione condivisa dei sindaci della vallata".

http://www.piacenzasera.it  (10/06/2013)

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information