Scontrino elettronico,l’Uncem: “Rischio chiusura per i piccoli negozi in montagna”. PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Territorio delle Quattro Province
Scritto da Marco Gallione   
Giovedì 09 Gennaio 2020 06:04

Bottega Negli ultimi giorni, l’avvio per tutti gli esercenti dell’obbligo di scontrino elettronico ha comportato uno scambio intenso di pareri, anche di polemiche, rispetto all’imposizione e agli aggravi burocratico-operativi. Complici, questi aggravi, anche di aver indotto a chiudere numerose attività commerciali nei piccoli Comuni montani. Dove la desertificazione è molto più di un rischio. 200 Comuni in Italia sono già senza negozi e senza bar. Altri si aggiungono oggi. Uncem lo denuncia da tempo, moltissimo tempo. Aveva anche chiesto una proroga sull’obbligo di scontrino elettronico. Di fatto una prima proroga vi è stata, da luglio 2019 a gennaio 2020 per gli esercenti con meno di 400mila euro l’anno di volume di attività. Si è ancora in tempo ad attivarne una ulteriore. Per ora non ci sono sanzioni per i commercianti e anche questo lo aveva chiesto Uncem insieme ai contributi per l’acquisto dei nuovi apparecchi (fino a 250 euro, sotto forma di credito d’imposta). Per chi poi non genera ricavi sopra i 400 mila euro c’è un credito d’imposta pari al 30% delle commissioni bancarie pagate. Sul rinvio delll’obbligo è ancora possibile intervenire nel Milleproroghe. Ma se questa è una prima cosa da fare, tre sono le cose che Uncem propone alle Istituzioni regionali e nazionali per affrontare il rischio desertificazione commerciale. Il punto sarà tra quelli al centro degli Stati generali della Montagna convocati a Roma dal Ministro Boccia il 31 gennaio 2020. Tre cose da fare: la prima, in fretta, entro gennaio, un esame da parte dell’Agenzia delle Entrate, rispetto a quanti, nei Comuni montani, si sono adeguati all’obbligo di scontrino elettronico e quanti non ancora. Quanti hanno chiuso e per quali motivi. Se Agenzia vuole, Uncem e Fondazione Montagne Italia possono fare un’analisi qualitativa e quantitativa. Numeri e dati nel merito. Fondamentali per il Paese che ha nelle aree interne il suo cuore. “E allora, secondo punto – evidenzia Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem – deve essere riparito in tempi rapidissimi il fondo di 30 milioni di euro previsto in legge di bilancio a sostegno delle attività economiche, artigianali e commerciali delle aree interne del Paese”. Terzo fronte, quello fiscale. Anche su questo Uncem insiste da dieci anni. I primi risultati sono arrivati.
Alle Zone economiche speciali, il Decreto Clima ha aggiunto le Zone economiche ambientali in corrispondenza dei Parchi nazionali. Un passo importante. Ora devono essere le Regioni a intervenire. Il modello è, ad esempio, quello dell’Emilia-Romagna: un aiuto concreto alle aziende, agli esercenti e ai titolari di attività di lavoro autonomo che operano in Appennino, nei Comuni montani, per sostenerle e renderle più competitive in territori dove è più difficile fare impresa. Dal 2019 vi è un contributo commisurato all’ammontare dell’imposta Irap. 12 milioni di euro l’anno, per tre anni, con un contributo alle imprese che si configura come credito d?imposta, da utilizzarsi per il pagamento delle imposte negli anni 2020-2021-2022. “Viene concesso – spiega Giovanni Battista Pasini, Presidente Uncem Emilia-Romagna, che ha seguito tutti i passaggi legislativi in materia – in proporzione all’importo Irap dichiarato, per un importo fino a 5mila euro l’anno con un beneficio che potrà arrivare fino ad un massimo di 3mila euro l?anno. Ogni impresa vedrà infatti coperto il 100% dell’imposta Irap 2017 fino a 1.000 euro, a cui si aggiungerà il 50% dell’imposta Irap 2017 per lo scaglione da 1.000 a 5.000 euro”. Un buon segnale. “Uncem auspica tutte le Regioni possano agire su questo fronte – evidenzia Bussone – e che con un Programma operativo nazionale Montagna per il settennato di fondi europei 2021-2027 si possano individuare altri specifici contributi comunitari ai negozi, ai bar e alle imprese dei Comuni montani, senza che vengano configurati come aiuto di stato. Ci lavoriamo. Gli Stati generali della Montagna sono la sede corretta per farlo”.

http://www.giornale7.it/  (06/01/2020)

“Le piccole botteghe devono sopravvivere”: la mia battaglia (persa) contro la rassegnazione di noi artigiani


«Le piccole botteghe devono sopravvivere». Quella locandina l’ho stampata anni fa, pubblicata e distribuita a mie spese ai pochi artigiani superstiti dell’Albese stanco di non essere ascoltato. Avevo la sensazione che andasse a finire male la quotidiana sfida di noi artigiani per affrontare i mille ostacoli che il nostro tempo impone. E, purtroppo, così è stato.
L’umiliazione che sentiamo nasce dall’impotenza e dall’abbandono. Le nostre botteghe hanno bisogno di un’arca e di Noè prima che il diluvio le travolga. Fa male l’indifferenza della politica e delle associazioni di categoria che avrebbero dovuto legarci alle scialuppe di salvataggio, invece hanno assistito indifferenti al naufragio. Le riforme promesse sono rimaste nel dimenticatoio e, in circa quarant’anni di impegno parlamentare, nessuno mai ha pensato a leggi che potessero sviluppare la grande ricchezza che rappresenta l’artigianato nel nostro Paese e a dare la possibilità alle scuole di bottega di trasmettere l’arte ai giovani.
Poteva e doveva essere una risorsa, invece oggi è un tracollo umiliante e drammatico di tante attività che sono obbligate a chiudere e a cessare di esistere. Quando sarebbe bastata una piccola riforma della burocrazia e del Fisco a dare un po’ di ossigeno al nostro impegno e una prospettiva ai giovani che con questo lavoro non avranno più futuro. Oggi non serve più fare finta che va tutto bene: rimane poco tempo e poi in molti, già avviati al declino, saranno costretti a desistere.
Il dramma esiste e, anche se può sembrare fortemente pessimistico, in molti artigiani non solo della provincia di Cuneo prevale ormai la rassegnazione. E questo è il peggio.
A chi può farlo, chiediamo ancora di impegnarsi e trovare una soluzione per evitare questo diluvio che presto ci travolgerà per sempre. Ricordate queste parole: oggi gli artigiani muoiono nell’indifferenza, i burocrati creano macerie e su di esse non vorrei vederli (e vederci tutti) piangere un giorno.

Bruno Murialdo

https://www.lastampa.it/ (09/12/2019)
 

 

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information