Il caso della seggiovia «Rischiamo la chiusura per le strade da incubo» PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Territorio delle Quattro Province
Scritto da Mattia Tanzi   
Venerdì 16 Novembre 2018 00:00

Pian del Poggio

«La nostra seggiovia rischia di chiudere a causa della condizione drammatica in cui versano le due strade provinciali sp48 e sp90 causando un danno economico che si ripercuoterà su tutte le strutture ricettive dell'Alta Valle». Questo il contenuto della lettera di protesta inviata alla Prefettura, alla Regione, alla Provincia a e alla Comunità Montana da Alessandro Custorali, titolare della società E20, che ha in gestione la Seggiovia Pian del Poggio-Monte Chiappo e il bardi Pian del Poggio nel comune di Santa Margherita di Staffora. «I tanti investimenti sostenuti da noi privati insieme ai fondi erogati da Regione Lombardia, Provincia di Pavia, Comunità Montana, hanno permesso di destagionalizzare la località sciistica ospitando durante la stagione estiva eventi, corsi, escursioni incentrati sul "Pianeta" Mountain Bike. - spiega Alessandro Custolari, titolare della società che gestisce la seggiovia - Ora tutto questo rischia di andare perduto. Il conseguente aumento dei turisti con la presenza di più auto sulle due provinciali sta creando una situazione insostenibile a livello di sicurezza. Queste due "mulattiere" sono percorse nei week end invernali da oltre 500 veicoli nel periodo estivo il traffico può raddoppiare».

Mattia Tanzi

http://laprovinciapavese.gelocal.it (16/11/2018)

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information