Giornate FAI di Primavera PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Territorio delle Quattro Province
Scritto da Marco Gallione   
Martedì 20 Marzo 2018 21:55
Giornate di primavera del FAI

Ogni anno, dal 1993, il terzo weekend di marzo, il FAI fa una grande festa dedicata alla bellezza di questo Paese. Una festa a cui sono tutti invitati. Una festa a cui, in 25 anni, hanno partecipato oltre 10 milioni di persone che, grazie all’impegno di appassionati volontari, hanno potuto visitare luoghi speciali.
Quando nel 1993 si svolse la prima edizione delle Giornate FAI di Primavera (50 luoghi aperti al pubblico in una trentina di città) era difficile immaginare che sarebbero diventate uno degli appuntamenti più importanti del panorama culturale italiano.
In 25 anni i volontari del FAI hanno aperto oltre 11.000 luoghi in 4.700 città e hanno coinvolto oltre 35.000 “apprendisti ciceroni”, studenti delle scuole medie e superiori che accompagnano le visite.
Le Giornate FAI sono diventate dunque un appuntamento ambito, un evento nazionale di grande attrattiva, ma non per questo hanno perduto lo spirito originario: quello di accompagnare gli italiani a scoprire o riscoprire la bellezza che li circonda, che spesso passa inosservata o, peggio, viene dimenticata e deturpata.
“Si protegge ciò che si ama e si ama ciò che si conosce” ci ricorda la fondatrice del FAI, Giulia Maria Crespi. Per questo le Giornate FAI, di Primavera e d’Autunno, hanno un unico destino: quello di diventare sempre più grandi, più vive e vissute, per avvicinare sempre più persone alla bellezza dell’arte, della cultura e della storia.

Ecco le aperture nel territorio delle Quattro Province:

Emilia Romagna:

Castello Malaspina di BobbioAlla scoperta dei tesori di Palazzo Malaspina

Contrada di Borgoratto, 26, BOBBIO (PC)

Apertura a cura di Gruppo FAI di Bobbio

Orario:
Sabato: 10:00 - 13:00 - 15:00 - 18:00
Note: Ingresso dedicato agli Iscritti FAI. Prenotazioni solo per la giornata di Sabato 24 per gli iscritti FAI, email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - 3479769241.

Domenica: 10:00 - 13:00 - 15:00 - 18:00
Note: Ingresso aperto a tutti.

Attenzione: in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell'orario di chiusura indicato

Contributo suggerito a partire da: € 3,00

E' la più ampia dimora gentilizia di Bobbio, passata ai Malaspina nella seconda metà del XVIII secolo. Esternamente di forma severa ospita all'interno eleganti loggiati e spaziosi ambienti, arredati con grande raffinatezza. Qui è custodito l'Archivio Nobiliare che conserva la Biblioteca Storica della Famiglia, una raccolta libraria di estrema importanza e rarità, costituita da circa 1300 volumi di preziose edizioni antiche, tutte pubblicate prima del 1830, tra le quali un incunabolo del 1497 e 100 cinquecentine. Dal cortile interno si può accedere alle antiche cantine, nelle quali riposano i pregiati vini prodotti dall'Azienda di famiglia, nel solco di una tradizione iniziata nel 1772. Molti i motivi di interesse per i visitatori: dal bel portico con archi a tutto sesto agli ampi loggiati e ai saloni affrescati e arredati con raffinatezza, alle antiche cantine, dove riposano i pregiati vini prodotti dall’Azienda di famiglia, che i visitatori potranno degustare.

Itinerario:
Alla scoperta dei tesori di Palazzo Malaspina

Visite a cura di:
Apprendisti Ciceroni Istituto Superiore Commerciale "A. Tramello" Bobbio; Marchese Obizzo Malaspina, proprietario del palazzo

Lombardia:

Castello di Mornico LosanaCastello di Mornico Losana

Via Bevilacqua, 1, MORNICO LOSANA (PV)

Apertura a cura di:
Gruppo FAI Giovani dell'Oltrepo' Pavese

Orario:
Sabato: 14:30 - 17:30

Domenica: 10:00 - 12:30 - 13:30 - 17:30

Attenzione: in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell'orario di chiusura indicato

Contributo suggerito a partire da: € 3,00

Esclusivamente per i visitatori della GFP 2018 saranno aperti gli appartamenti privati della Famiglia Colombani, attuale proprietaria,che potranno ammirare lo splendido scalone di marmo dei primi '900, gli ambienti dedicati al gioco del biliardo (con affreschi recanti i simboli del gioco) e della conversazione (salotto e biblioteca con ritratti di famiglia), tutti arredati con estremo buon gusto, pur non conservando arredi originali, trafugati anni fa. Piano terra quasi interamente affrescato. Piano superiore con biblioteca e ambienti dedicati al riposo degli ospiti e della famiglia. Splendidi terrazzi con vista sull'intera valle, che il castello domina a 360°.

Itinerario:
Un castello e i suoi castellani, storia e bellezze di un'antica vedetta tra i vigneti

Visite a cura di:
Apprendisti Ciceroni ITCG "Baratta" Voghera

Inziative speciali:
In occasione delle Giornate FAI di Primavera, in accordo con la famiglia proprietaria ed il Comune, saranno valorizzati sia il patrimonio storico-artistico sia quello enogastronomico con allestimento di alcuni stand di prodotti locali (ciabelle, zafferano, birra e vini). Sarà presente anche un piccolo punto ristoro.

Castello di Silvano PietraCastello di Silvano Pietra

Piazza Vittorio Veneto, 4, SILVANO PIETRA (PV)

Apertura a cura di

Delegazione FAI dell'Oltrepò Pavese

Orario

Sabato: 14:30 - 17:30

Domenica: 10:00 - 12:30 - 13:30 - 17:30

Attenzione: in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell'orario di chiusura indicato

Contributo suggerito a partire da: € 3,00

Il paese di Silvano viene citato nel XII secolo, quando passa sotto il dominio pavese: nel XIV secolo cade sotto il dominio dei Beccaria, cui si deve in particolare la costruzione del castello, successivamente passa brevemente ai Sanseverino ed ai Bottigella e infine viene infeudato nel 1528 ai Conti Pietra, che ne mantengono il feudo fino al 1797, quando i feudi vengono aboliti. Tra il dodicesimo ed il quindicesimo secolo furono costruiti il castello, di cui rimangono una delle tre torri e parte dell’edificio, ora adibito ad abitazione privata, alcuni palazzi nobili e la bella chiesa, contenente una pala di assoluto. Parte rimanente della struttura originaria del Castello ora adebito ad abitazione privata, all'interno saranno visibili pregevoli affreschi del Quattrocento e del Seicento.

Itinerario:
Alla ricerca di tesori nascosti in Silvano Pietra e dintorni

Chiesa di Santa Maria e San PietroChiesa di Santa Maria e San Pietro

Via Umberto I, 14, SILVANO PIETRA (PV)            

Apertura a cura di:
Delegazione FAI dell'Oltrepò Pavese

Orario

Sabato: 14:30 - 17:30
Note: Durante la funzione non sarà possibile effettuare visite.

Domenica: 10:00 - 12:30 - 13:30 - 17:30
Note: Durante la funzione non sarà possibile effettuare visite.

Attenzione: in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell'orario di chiusura indicato

Contributo suggerito a partire da: € 3,00

Chiesa tardo gotica contenente una pala di assoluto valore ed una serie di interessanti affreschi. Tra questi è da segnalare una importante raffigurazione della Battaglia di Lepanto, che sarà possibile confrontare con una rappresentazione dello stesso evento contenuta nella bellissima Collegiata di Casei Gerola, il paese confinante.

Itinerario:
Alla ricerca di tesori nascosti in Silvano Pietra e dintorni

Piemonte:

Palazzo AdornoPalazzo Adorno
Via Girardengo, 20, NOVI LIGURE (AL)

Apertura a cura di:
Gruppo FAI di Novi Ligure

Orario

Sabato: 10:30 - 18:30 (ultimo ingresso 18:00)

Domenica: 10:30 - 18:30 (ultimo ingresso 18:00)

Attenzione: in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell'orario di chiusura indicato

Contributo suggerito a partire da: € 3,00

Sito nella via principale della città vecchia di Novi Ligure, palazzo Adorno è uno dei più importanti palazzi nobiliari edificati dalle genovesi. Costruito nella prima metà del Seicento probabilmente per volontà di Gio. Battista Adorno, prestatore di denaro del re di Spagna Filippo III, il palazzo ospita nel 1644 e in altre occasioni le riunioni delle fiere di cambio, incontri della finanza europea che si tengono a Novi con una certa regolarità dal 1622 al 1692. La storia ottocentesca del palazzo è invece legata all’Accademia Filarmonica artistico-letteraria novese fondata dal mazziniano Pietro Isola e altre personalità di spicco della città. Verrà aperto al pubblico il piano nobile del palazzo che nonostante sia stato privato di buona parte degli arredi conserva nei dettagli e nell’atmosfera il ricordo degli anni in cui le sue stanze erano teatro di momenti musicali e di animate conversazioni di intellettuali dell’epoca.

Visite a cura di:
Apprendisti Ciceroni® del Liceo Amaldi e dell’Istituto Ciampini Boccardo di Novi Ligure

Museo delle Macchine Agricole OrsiMuseo delle Macchine Agricole Orsi

Via Emilia, 446, TORTONA (AL)

Apertura a cura di:
Delegazione FAI di Tortona

Orario

Sabato: 10:00 - 12:00 - 15:00 - 18:00

Domenica: 10:00 - 12:00 - 15:00 - 18:00

Attenzione: in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell'orario di chiusura indicato

Contributo suggerito a partire da: € 3,00

L’area di accoglienza si sviluppa al livello superiore del complesso museale, vi si accede dall'ingresso principale di Via Emilia 446. L’esposizione permanente si sviluppa nel capannone industriale, già torneria della Ditta "Orsi Pietro e figlio", caratterizzato da una struttura pilastri-travi reticolari metallici che delimitano tre "navate" principali più una verso il lato nord più bassa e senza finestrature. L’esibizione dei macchinari, tra cui la presenza del primo trattore "testa calda" risalente all'anno 1927, è integrata dall’esposizione di coinvolgenti gigantografie di immagini storiche rivisitate graficamente e da una serie di pannelli illustrativi di diverse tematiche quali: la famiglia Orsi, la Ditta Orsi Pietro & figlio, il contesto socio-economico tortonese tra '800 e '900, l’industria delle macchine agricole a Tortona, la lavorazione del terreno, l’aratro, le locomobili a vapore, i trattori a testa calda, la mietitura e la trebbiatura.

Visite a cura di:
Apprendisti Ciceroni Liceo "G. Peano"; IPSC "D. Carbone"

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information