Dopo 35 anni diamo l’addio a Cima Colletta PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Territorio delle Quattro Province
Scritto da La Provincia Pavese   
Mercoledì 28 Febbraio 2018 22:04

Rita e SimoneRita Zanardi e la famiglia Bassini, dopo 35 anni di gestione lasciano il Rifugio Cai di Cima Colletta, l’unico in provincia di Pavia. Hanno scritto - tramite La Provincia Pavese - questa lettera ai tanti ospiti, che è stato pubblicata sul sito.

Il 28 febbraio (mercoledì) termina la gestione mia e della mia famiglia del Rifugio Vittorio e Aristide Nassano nel comune di Brallo di Pregola. Gestione che avviai nell'ormai lontano 1983.
Il ruolo che ho avuto per così tanto tempo vicino alla natura, ha indotto un cambiamento nel mio modo di pensare e di analizzare il mondo che mi circonda. La flora, la fauna e il clima di questo luogo così unici hanno accompagnato me, il mio compagno Roberto e mio figlio Simone, regalandoci anni felici sulle pendici del Monte Colletta.
Sono anche stati anni pieni di sfide, con l'obbiettivo di offrire un servizio dove di servizi non ci sono, garantendo un punto di ristoro, per quei temerari turisti che si sono avventurati a visitare questa montagna, così bella e ricca dal punto di vista naturalistico, ma sempre sottostimata da parte delle istituzioni che avrebbero dovuto aiutarla ad affermarsi tra le bellezze della catena degli Appennini.
Mai scorderò di quella cattedrale nel deserto, che è l'impianto sciistico inattivo di Cima Colletta. Quante volte mi sono trovata in imbarazzo, nel provare a rispondere alle persone che chiedevano il perché non funzionassero lo skylift o la manovia vicine al Rifugio, nonostante le abbondanti nevicate che non sono mancate in questi anni e avendo a disposizione strutture sciistiche praticamente nuove.
Nel corso degli anni io, Roberto e con l'ausilio di tanti amici che ci hanno infuso coraggio, abbiamo combattuto numerose battaglie a difesa della natura, criticando duramente la caccia di frodo, altre volte opponendoci ad eventi come manifestazioni motociclistiche che danneggiano l'ambiente, perché organizzate su percorsi transitanti nei prati, dentro boschi incontaminati e su sentieri destinati ai camminatori.
Dovete sapere che se uno sceglie di fare il gestore di un rifugio, e in particolar modo in un luogo come questo così incantevole, potrebbe diventare una persona estremamente rispettosa nei confronti della natura. Forse perché questa persona, ha visto tramontare il sole dalla cima della montagna su tutta la Pianura Padana, oppure si è sentita al sicuro riparandosi dentro al rifugio, mentre guardando fuori dalla finestra, vedeva la neve scendere abbondante e costruire le forme più inusuali e poi mossa dal vento, librarsi nell'aria per scatenare una tempesta. Oppure potrebbe essere rimasta colpita, nell'osservare per la prima volta, il cucciolo di un capriolo, o il piccolo spennacchiato di una poiana che chiama la mamma per venire ristorato.
Non avrete mai idea di quanto abbia sofferto nel veder bruciare ettari interi di boschi e prati durante gli incendi che hanno danneggiato Cima Colletta nell'anno 1994 e durante l'estate scorsa(2017).
Nonostante le difficoltà di vivere in una zona così disagiata, ho visto varcare dalla porta d'ingresso, di quello che è stato il mio locale, tantissime persone con cui ho avuto il piacere di interloquire, oltre che il compito di rifocillare; è mio dovere ringraziarle per il loro contributo, perché mi hanno arricchita sia a livello professionale, ma soprattutto a livello umano.
In particolar modo voglio ricordare il defunto ex presidente della sezione Cai di Voghera, il compianto Enzo Bergonzoli, che permise che la mia avventura su queste alture avesse inizio; ringrazio anche l'allora segretario Franco Bassi. Altri presidenti che mi sono stati vicini e che non posso dimenticare sono stati Franco Brambati ed Ezio Brambilla. Saluto con affetto l'ex segretario Amedeo Para, che per numerosi anni ha condotto la segreteria di sezione. Rinnovo con tutto il cuore, ai miei clienti ed amici, un grandissimo grazie perl’aiuto che mi avete dato in questi anni.
Un'ultima cosa che mi preme dire prima di salutarvi, è che in base alle mie esperienze, vivendo in montagna durante tutti questi anni, ho potuto allevare diverse specie di animali allo stato quasi brado, senza temere attacchi da animali selvatici, infatti nessuno dei miei animali, è mai e dico mai, stato divorato da un lupo, ma piuttosto abbiamo vissuto spiacevoli episodi ad opera di bestie a due zampe.
Ritengo disgustosa la purtroppo diffusa campagna mediatica che demonizza il lupo, uno splendido, intelligente e maestoso animale. Altro non è che una nuova e vergognosa crociata che ha il solo fine di legalizzare l'abbattimento di questo selettore naturale, che risulta indispensabileper mantenere un bioma in equilibrio.
Concludo così, con questo monito il mio ruolo di Gestore del Rifugio Vittorio Aristide Nassano.

Ciao e grazie, mi mancherete

Rita Zanardi con Roberto e Simone Bassini

http://laprovinciapavese.gelocal.it (26/02/2018)


 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information