Pizzonero, pifferai e suonatori di fisarmoniche spuntano dal bosco diffondendo melodie antiche. PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Ottone
Scritto da La Trebbia   
Giovedì 03 Settembre 2009 00:00
Perduta nei boschi dell'Alta Valboreca, alle pendici del monte Alfeo, vi è una minuscola frazione del comune di Ottone che si chiama Pizzonero. Qui ogni anno, il 20 agosto, si festeggia San Bernardo, patrono delle genti di montagna.
La chiesetta della frazione - una delle più antiche, se non la più antica, dell'intera valle - è dedicata proprio a San Bernardo. Nelle sue vicinanze si tiene da secoli la sagra di paese.
Una festa speciale perché è accompagnata dalla musica tradizionale - con piffero e fisarmonica- la cui lontana origine è proprio tra quei monti dietro il Lesima al confine delle quattro province, ma soprattutto perché i suonatori, che quest'anno ha visto alternarsi tre pifferai, tre fisarmonicisti e un suonatore di musa francese arrivano a piedi all'abitato attraversando i boschi lungo la vecchia mulattiera che sale da Belnome, accompagnati dalle decine di partecipanti suonando lungo il cammino. Il tragitto diventa così davvero molto suggestivo perchè il bosco risuona di motivi di canto e del sottofondo continuo della cornamusa.
All'appressarsi al paese si è fatto invece un assoluto silenzio, fino alla curva dalla quale sono infine apparse le case. A quel punto i suonatori hanno improvvisato una suonata a sorpresa dal folto del bosco e i compaesani hanno risposto con grida di saluto alle quali a loro volta ha replicato il corteo dei suonatori e di tutti gli altri lungo il sentiero fino alla fontana del paese.
I pifferi nel bosco

Quindi la gente ha raggiunto la chiesetta, aperta per l'occorrenza, e si è fermata a riposare e a trascorrere il tempo sul bel prato  antistante. Poi   una cena semplice ma molto accogliente, seduti sugli usci della case, sui gradini, sulle panche preparate dai paesani - molto ospitali - e finalmente il ballo e il canto in un'antica "balera" ormai centenaria, costruita con muretti di sasso e con al centro un grande ippocastano. Per il ritorno ci si è rituffati nuovamente nel buio del bosco, alla luce delle torce e tra una chiacchiera e uno stornello dei musicanti, si è ritornati a Belnome, dove tutti si sono salutati dandosi l'arrivederci all'anno prossimo.

n. p.

(Articolo tratto dal N° 29 del 03/09/09 del settimanale “La Trebbia”)

Ultimo aggiornamento Domenica 11 Dicembre 2011 19:51
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information