Bracieri, tavoli, panchine, tutto gratis: e quei 160 gradini lungo le Strette del Borbera PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Val Borbera
Scritto da www.lastampa.it   
Martedì 06 Agosto 2019 00:00

Borbera

Qui ci vengo da sempre. I miei nonni erano di Persi e un bagno nel Borbera per me è irrinunciabile». Anna abita a Genova, ma appena può si rifugia nella frazione di Borghetto Borbera e ieri non poteva mancare all’inaugurazione dell’area attrezzata del Bosco Piano, a pochi chilometri, ritornata a nuova vita dopo anni di abbandono e vandalismi.
Lì sotto il Borbera esce dalle Strette, il meraviglioso canyon che inizia a Pertuso e rende questa parte della valle davvero unica. A volerla recuperare non poteva essere che un borghettese doc come Giovanni Moro, che con Diletta Leale ha partecipato e vinto un bando del Gal Giarolo che ha messo a loro disposizione 35 mila euro.
Una somma che, integrata con non pochi fondi di tasca loro, ha permesso di rivedere finalmente l’area sistemata come merita e collegata senza pericolo al torrente con gli oltre 160 scalini rimessi in ordine, staccionata compresa. «Finalmente – diceva ieri un bagnante di Novi Ligure – si può usare la scalinata, così panoramica, seppure faticosa. In tanti la usavano anche quando era vietato ma ora è davvero uno spettacolo». Giovanni e Diletta, con l’aiuto di tanti loro amici, durante i lavori avevano riaperto un’antica strada a fianco del bosco che dalla provinciale 160 scende direttamente nel torrente, strada che resterà utilizzabile. Ieri nel Borbera, sin dal mattino, erano in tanti a fare il bagno, intere famiglie, alcune con i cani al guinzaglio, mentre per pranzare c’è chi è salito come un tempo nell’area attrezzata per utilizzare i bracieri, i tavoli e le panchine, finalmente in ordine. «Con questo importante lavoro – dice Gianni, vignolese originario di Carrega Ligure – si spera che possa essere controllato anche l’abbandono dei rifiuti. Senz’altro, purtroppo, qualcuno dovrà andare a controllare che non venga abbandonato nulla nel torrente. Io vengo spesso qui a fare il bagno e vedere che si è passati dal degrado più assoluto a una gestione come quella che comincia oggi apre davvero il cuore».
«Altro che il mare – racconta Franca –. Io abito a Genova Nervi ma preferisco i torrenti del Piemonte e in particolare il Borbera. Non c’è la bolgia che si trova al mare soprattutto nei fine settimana ma solo tanta tranquillità e un clima fresco. Qui al Bosco piano con mio marito mi fermavo spesso a fare un pic-nic e ora vedere tutto sistemato è davvero un bel segnale».
Anche Giovanna, come la sua amica Anna, è di casa a Persi: «Questo posto è adorabile, mi è sempre piaciuto venire qui nelle Strette. Ora spero che il Bosco Piano, grazie a questi ragazzi, possa essere rispettato da tutti».
«Dovrebbero far pagare, anche solo un euro – dice ancora Anna – per frequentare posti come questi. Questa zona e la Val Borbera sono un patrimonio da difendere che vale più di mille città».
L’ingresso all’area attrezzata sarà gratuito, assicura Giovanni Moro: «L’iter burocratico è durato circa due anni, poi abbiamo deciso di acquistare l’area dai precedenti proprietari visto che il Comune si è defilato. Il chiosco darà da bere e da mangiare e fornirà tutto l’occorrente per cuocere la carne alla brace, anche se qualcuno arriva qui in giacca cravatta. Dal prossimo anno apriremo anche un info point. L’area resterà sempre aperta, anche in inverno, pur con il chiosco chiuso, e l’accesso sarà regolato dai pannelli affissi con le norme di comportamento. Se la valle si prenderà a cuore il Bosco Piano credo che non ci saranno atti vandalici come in passato».

Giampiero Carbone

https://www.lastampa.it (06/08/2019)

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information