Piacenza e le sue valli, al Farnese la mostra "La nostra terra" PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Val Trebbia emiliana
Scritto da www.ilpiacenza.it   
Lunedì 05 Marzo 2018 00:00

Mostra La nostra terra

Un racconto fotografico su città e provincia racchiuso in 260 immagini a colori di grande formato, in circa 150 cartoline e decine di minuti di filmati ripresi da una telecamera montata su un drone: nell’insieme un piccolo straordinario atlante fotografico che documenta con arte il paesaggio e le sue emergenze naturali, culturali e architettoniche. Sono fotografie, silenziose, attente ai molti luoghi della provincia ma anche alla città: sono un invito a rivolgere lo sguardo alla quotidianità e alla normalità carica di poesia del paesaggio che ci sta intorno.
La mostra, allestita a Palazzo Farnese è stata inaugurata domenica pomeriggio alla presenza dell’assessore regionale Paola Gazzolo (in silenzio stampa dovuto alla giornata della consultazione elettorale), dell’assessore alla cultura Massimo Polledri  e del Presidente della Provincia Francesco Rolleri, che hanno manifestato il ringraziamento delle loro Istituzioni per l’allestimento che evidenzia come il territorio piacentino possieda una straordinaria varietà di  luoghi ricchi di storia e di fascino; valutazioni condivise da Fausto Frontini  e dal dott. Marco Stucchi, curatore delle sale multimediali delle mostre-evento "Guercino a Piacenza" e "Salita al Pordenone", il quale ha evidenziato come la mostra sia un ulteriore segno della vivacità culturale che sta caratterizzando il territorio piacentino. Cultura e turismo è un binomio imprescindibile per il nostro futuro e una risorsa determinante per uno sviluppo economico sostenibile.
Ad organizzare la prestigiosa mostra, in collaborazione con il Comune di Piacenza, è il comitato “Piacenza e le sue valli”, nato dall’esperienza maturata in diversi mesi sui social con la pubblicazione di migliaia di scatti della nostra provincia, realizzati da fotografi amatoriali e alcuni professionisti, piacentini e non, presieduto dalla grafica pubblicitaria Anita Santelli con Giacomo Turco e Claudio Rancati. In una saletta dedicata, anche immagini dalle “Quattro Province”: la nostra, Alessandria, Genova e Pavia. Natura, linee e forme costituiscono il filo conduttore che 16 fotografi hanno seguito per raccontare il territorio. Ciascuno di loro si muove tra le geometrie del paesaggio seguendo un personale punto di vista offrendo la vista da una finestra sul panorama naturale e urbano con inquadrature a tutto campo o tasselli di realtà, con luci, ombre e colori che disegnano figurazioni dove la tecnica di ripresa lascia il campo all’artista. L’esposizione, che ha come sottotitolo “Conoscere, amare e valorizzare la nostra terra attraverso le immagini, per far crescere Piacenza”, raccoglie fotografie inedite realizzate da 16 fotografi: Anita Santelli, Claudio Rancati, Giacomo A. Turco, Fabio Rotondale, Fausto Bessi, Gian Francesco Tiramani, Giovanni Cordera, Graziella Marincola, Luigi Ziotti, Mario Cadeddu, Mario Carminati, Mirco Bruzzone, Renzo Oroboncoidi, Roberto Salini, Sergio Azzaretti e Sergio Efosi.
L’originale collezione di cartoline d’epoca appartiene alle raccolte di Paolo Morlacchini, Salvatore Battini, Stefano Beretta e Walter Bosi. Presente anche una serie di medaglie commemorative coniate dal il Circolo Filatelico Numismatico Piacentino. 
La mostra è visitabile con ingresso libero fino al 24 marzo, dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 20.00, mentre al sabato e alla domenica resterà aperta dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 19.00.

Renato Passerini
http://www.ilpiacenza.it/ (05/03/2018)



Gli organizzatori e i fotografi della mostra


Ultimo aggiornamento Giovedì 08 Marzo 2018 06:27
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information