Piacenza ed Expo: nessun turista da queste parti! PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Rassegna stampa - Val Trebbia emiliana
Scritto da S. Valtolla   
Martedì 30 Giugno 2015 00:00

Expo 2015Nei giorni scorsi il quotidiano Libertà pubblicava un lungo articolo di P.Soffientini dal titolo “Turismo solo andata per expo” dove venivano riportate le ammissioni di parziale fallimento  del progetto che prevedeva di portare un buon numero di turisti expo nella nostra provincia. Il referente del club di prodotto”terre francigene piacentine“, la speciale associazione di scopo fondata da confcommercio, coldiretti, confartigianato piacentini e altri soci  che gestisce i flussi da e per l’expo di Milano ammette che qualcosa non va.
A due mesi dall’inizio dell’expo abbiamo “traghettato” a Rho circa 2000 persone ma, e qui cominciano le riflessioni, quasi nessun ritorno verso il nostro territorio.
Un fallimento? Se lo scopo di un’associazione come “terre francigenre”, sostenuta da Regione e principali organismi associativi piacentini citati,  era quello di portare un po’ di turisti a Piacenza e vallate si tratta di fallimento. I giri di parole non servono a nulla.
questo flusso turistico (ndr: verso Piacenza) non c’è, dobbiamo ammettere che non abbiamo trovato la formula giusta come terre francigene per portare persone. Ero convintissimo che expo avrebbe richiamato turisti sul nostro territorio, finora così non è “ A dirlo è il prof Cattanei, dovente universitario e referente dell’associazione che è il risultato di un lungo lavoro preparatorio che ha coinvolto comuni e provincia piacentina nei due anni che hanno preceduto expo.
Tale lavoro era rivolto a valorizzare i numerosi percorsi francigeni che attraversano la nostra provincia realizzando un progetto che permettesse di fruire di percorsi personalizzabili ( anche tramite app) dove poter ricevere tutti i servizi turistici richiesti (alloggio, ristorazione, gestione del tempo libero, cultura, ecc…).
Ma qualcosa non ha funzionato e questo ci dispiace parecchio. Ci auguriamo predano le opportune contromisure per “sbloccare la situazione”.
Resta il rammarico per i soldi pubblici spesi per studiare e analizzare, per l’ennesima volta nel corso degli ultimi 15 anni, cose che già in precedenza si erano vivisezionate fin nel dettaglio minimo. Forse bastava realizzare quanto era già previsto nei precedenti studi e…
Quali contromisure sembrano all’orizzonte? La valorizzazione, aggregandoci agli altri organismi turistici emiliani  che sono già in fasi operative avanzate, del nostro “pezzo” di Via Emilia per far divenire questa antica arteria consolare anche un “prodotto turistico” come lo sono altre eccellenze tipo “castelli del ducato” e cose del genere.
In poche parole copiare bene è meglio che progettare male e con troppa, ci sembra,  autoreferenzialità.
Ma non sarebbe anche ora di riflettere sull’utilità  tutti questi organismi “turistici” che pomposamente anche nella nostra provincia, a volte anche a sproposito, chiamano “club di prodotto”? Non sarebbe forse il caso che questi convergano in un solo soggetto? Senza riproporre “Piacenza turismi” non si possono fare società per macro-aree interprovinciali? Ha senso che nello stesso territorio agiscano diverse associazioni del gusto, dei sapori, delle vie francigene locali, dell’appennino, del vattelappesca e cose del genere?
Per fortuna, nel frattempo, le proloco resistono! Per fortuna spesso e volentieri queste sanno fare da collante locale con comuni e altri organismi associativi e volontari  per produrre e gestire eventi inimitabili di portata anche internazionale. Ma così restiamo nel campo localistico e non ne usciremo mai.
Non ci resta che una considerazione finale.
Chissà se organismi del tipo “Via degli Abati”, “Via dei Monasteri Regi” o “Transitum Padi” che di cose ne san fare ( con zero soldi o quasi)  sono mai state realmente coinvolte nel progetto che ha decretato la nascita del club di prodotto “terre francigene piacentine”, chissà…

S. Valtolla

http://valtolla.com/2015/06/30/piacenza-expo-nessun-turista/ (30/06/2015)


 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information