Verrin-a (Boletus appendiculatus) PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Marco Gallione   
Domenica 25 Gennaio 2009 23:11
Verrin-a (Boletus appendiculatus)

Cappello:
Bruno-castano, spesso sul giallo-ocraceo. Emisferico prima, quindi spianato. Cuticola liscia e vellutata. Fino a 15 cm circa di diametro.
Tuboli:
Giallastri, verdastri al tocco. Corti e minuti, di forma cilindrica.
Pori:
Concolori al gambo o di un giallo più carico, piccoli e rotondi. Se strofinati virano al blu-verdastro (allo strofinio si rompono e all’aria si ossidano, come capita per la carne di altri boleti se viene spezzata).
Gambo:
Giallo o giallo-citrino. Se strofinato si macchia di rosso-vinoso. Reticolo giallo più o meno evidente. Leggermente o pronunciatamente appendicolato alla base. Pieno. Fino a 8 cm di altezza circa e 3 di larghezza.
Carne:
Giallina quella del gambo. Spezzata vira leggermente all’azzurognolo. Odore gradevole. Sapore dolce.
Spore:
Brune, fusiformi. 11-15 x 4-5 micron.
Habitat:
Sotto latifoglie, specialmente castagni. Estate-autunno.
Commestibilità:
Ottimo.
Note:
In Liguria il nome dialettale “Verrin-a” si estende a tutte le specie consimili a pori e stipite gialli, peraltro riassumibili sotto le specie Boletus appendicolatus, regius, impolitus, junquilleus, subtomentosus, chrysenteron.

Raccomandazione
Sebbene il fungo sopra citato sia abbastanza conosciuto , in caso di dubbi, dopo averli raccolto, farlo riconoscere a persone molto esperte o alle autorità sanitarie competenti.


 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information