Genzianella (Gentiana acaulis) PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Le piante medicinali - Piante ed erbe medicinali
Scritto da Marco Gallione   
Mercoledì 04 Febbraio 2009 12:17
Genzianella  Genzianella
Clicca sulle immagini per ingrandirle
 
Famiglia:
Genzianacee
Altri nomi della genzianella
Braghe del cucù, genziana di Koch
Descrizione:
Fusto semplice, minuto; foglie lanceolate, verde vivo, disposte a rosette basali. Fiori azzurri, violacei con riflessi metallici, a corolla campanulata divisa in alto in cinque lobi triangolari. Fioritura: Primavera inoltrata ed estate.
Dove si trova:
Europa centro-meridionale e massicci dell'Asia Minore.
Parti utilizzate:
La radice e il fiore.
Tempo di raccolta e conservazione:
Raccolta: Nei mesi più caldi.
Conservazione: La pianta, una volta estirpata, si essicca al riparo dai raggi solari e quindi si conserva in sacchetti.
Notizie e curiosità: 
Il nome Gentiana testimonia il suo utilizzo in epoca classica: deriva infatti dal nome del re dell'Illiria nel 2° secolo a.C., Gentius, che viene indicato come lo scopritore delle virtù di questa pianta.
Principi attivi:
Glucosidi amari (genziacaulina), antociani, tannini, zuccheri.
Proprietà:
Le radici hanno doti stimolanti, vermifughe, digestive e aperitive.
Preparazione e uso:
La raccolta delle radici deve essere effettuata all'inizio della primavera o in autunno. Le radici, pulite e lavate, si lasciano seccare in un sacchetto di tela.
La radice succhiata favorisce la digestione e fa passare il mal di denti. Il decotto e l'infuso vengono impiegati come digestivo, vermifugo, antipiretico, tonico e stimolante dell'appetito.
Il fiore viene utilizzato per impacchi sulle ferite e come decongestionante.
Alcune mamme intingono le dita dei figli nell'infuso per fare loro perdere l'abitudine di rosicchiarsi le unghie.

L’amaro
Si prepara facendo macerare 20 gr di radice in un litro di buon vino (o, meglio ancora, di vermut) per tre settimane; è stomatico, tonico, febbrifugo e depurativo; è indicato anche nella cura della gotta e come vermifugo. L’amaro di genziana si beve a cucchiaini, prima dei pasti. Anche la genzianella ha proprietà analoghe a quelle della genziana. 
La genzianella in cucina
L'impiego della genzianella in cucina è limitato alla preparazione di tisane medicinali e gustosi liquori casalinghi.
Ricette:

Attenzione!

1) Tutte le notizie riportate in questa sezione hanno solo uno scopo informativo. In nessun caso si vuole indurre ad auto-diagnosi o auto-terapia, questo può essere molto pericoloso. Solo un medico può effettuare diagnosi o terapia, per problemi di ordine sanitario rivolgersi al consiglio di un medico.
2) Ricordiamo che la raccolta di gran parte delle piante di questo sito è soggetta alle norme regionali per la protezione della flora spontanea.
Ultimo aggiornamento Giovedì 09 Febbraio 2012 06:56
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information