Menestra de erbe PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Val Trebbia di ieri - Il museo di archeogastronomia di Montebruno
Scritto da Marco Gallione   
Martedì 03 Febbraio 2009 14:41

 

 

 

Menestra de erbe
 

Minestra di erbe selvatiche, veniva preparata all'inizio della primavera, quando negli orti non c'era ancora la verdura e la campagna si risvegliava offrendo erbe commestibili e teneri germogli.
Preparazione: mettere a bollire nel paiolo in acqua e sale in

giusta quantità: patate a tocchetti, un pugno di fagioli

borlotti rinvenuti, foglie di "braghe de cûcco" (primula),

cime di ortica, cime di "viarbura"  vitalba), foglie di "

sennue" (ravizzone); "coste neigre", "bonommo" (le donne

conoscono bene queste erbe, ma solo un botanico ne conosce

la corretta terminologia,***non tutte le erbe sono necessarie

per la  preparazione della minestra), "öeginn-e de crava"

(piantaggine);  insaporire con un pesto fatto di "persa

sarvega" (timo) e formaggetta grattugiata.

A cottura terminata (quando i fagioli sono teneri)

aggiungere tagliatelle fatte con farina di frumento e acqua.




Mirella Ferrari - Emiliana Ferretti

 

Ultimo aggiornamento Domenica 19 Marzo 2017 11:14
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information