Frïtà de oëginn-e de crava PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Val Trebbia di ieri - Il museo di archeogastronomia di Montebruno
Scritto da Marco Gallione   
Martedì 03 Febbraio 2009 06:29
Frïtà de oëginn-e de crava

(Frittata di foglie di piantaggine)

Nel tradizionale pranzo di Pasqua compariva questa portata che

negli ingredienti ha le uova, preziose e bene auguranti, e le

"oëginn-e de crava" , raccolte tenere nei prati rinverditi dalla

primavera.


Preparazione: tagliare finemente le foglie tenere; farle appassire

in padella nello strutto (struto de porco) in cui è stata rosolata

cipolla  tagliata fine (e aglio, a piacere).

A parte sbattere le uova con formaggetta grattugiata, sale e, se è

disponibile (e un tempo forse non lo era per questo uso) un poco

di pane bagnato nel latte.

Aggiungere il tutto in padella e preparare la frittata con il solito

procedimento.

I sostituzione delle "oëginn-e" si possono usare foglie di "braghe

de cûcco" (primule), "çimme de ortiga" (cime tenere di ortica), "

çimme de viazzu" (cime di vitalba).


Giuseppina Ferretti
Ultimo aggiornamento Venerdì 17 Marzo 2017 19:56
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information