Sul Dego nascono i funghi PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 11
ScarsoOttimo 
Poesie - Le poesie di Attilio Carboni
Scritto da Attilio Carboni   
Mercoledì 01 Febbraio 2017 19:00

Dego  attende dì radiosi,
per i funghi misteriosi,
in autunno assai piovoso,
caldo, umido, nebbioso!

Finalmente il sole torna
e l’azzurro cielo adorna.
In natura sorridente
quanta vita  risorgente!


Cerri, faggi e castagneti
cercatori fanno lieti.
Il raccolto è abbondante,
nell’intrico d’erbe e piante.

Ecco là un bel “porcino”
ed un altro sta vicino; 
ce ne sono proprio tanti:
cesti zeppi in pochi istanti!

“i boleri” ed i “galletti”?
Più di quanti te ne aspetti!
Tra cespugli, muschi e foglie,
buon bottino ciascun coglie.


Nota: nelle valli dell’Aveto/Trebbia si nomina “bolero” l’amanita cesarea;  “galletto”  il cantarellus cibarius; “porcini”  alcuni funghi commestibili della vasta famiglia dei boleti.

Si rimanda, per maggiori dettagli, all’articolo pubblicato dal settimanale  “La Trebbia”  in data 09/luglio/2015,  ripreso da questo stesso sito:  “Sottobosco, tappeto di erica e di muschi:  il monte Dego, ambiente ideale per molte varietà di funghi” .

Attilio Carboni

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information