Nuvole - Fanciullezza ad Ottone PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Poesie - Le poesie di Attilio Carboni
Scritto da Attilio Carboni   
Giovedì 22 Dicembre 2016 06:19

Il sole se n’è andato,
oltre i monti, tramontato:
cupo azzurro fa da sfondo
ad  ombroso nuovo mondo.

Sopra al prato son supini 
dei bravissimi bambini.
Solo sono impegno e zelo:
mentre giocano col cielo.

Dalle nuvole attirati,
alle forme interessati,
stabiliscono confronti
e cercando van riscontri.

“Quella nube sembra un cane,
con in bocca del buon pane…”
“Ecco un orso frastornato,
dalle api punzecchiato…”

Da ponente giunge nera,
a spauracchio della sera…
una nuvola severa,
forte, grave, dura e fiera.

Dentro là tutto ribolle!
Minestrone di cipolle,
con fagioli ed insalate;
olio, sedano e patate?

L’espressione “di patate”
fa scoppiar mille risate!
“Quanto è bella fanciullezza,
innocenza e tenerezza.” 

Della vita dolce ebbrezza.       

 

Il gioco con le nuvole era sotto la stretta sorveglianza dei genitori. Non era praticato mai durante il dì, al fine di evitare possibili contatti degli occhi con il sole.
La civiltà rurale utilizzava con sapienza il gioco per indirizzare i giovanissimi verso prudenza e prevenzione. Un’occasione per immunizzarli (divertendoli), contro possibili effetti di superficialità e leggerezze nel gioco stesso, nella vita! 
Pensare sempre a ciò che si fa e si dice, a ciò che di nefasto potrebbe seguire.

Attilio Carboni

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information