Larice (Larix decidua) PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 20
ScarsoOttimo 
I boschi della Val Trebbia - Boschi della Val Trebbia
Scritto da Marco Gallione   
Martedì 03 Febbraio 2009 21:30
Larice (Larix decidua)
Famiglia: Pinacee

Habitat: In Italia è spontaneo solo nelle Alpi dai 1000 ai 2600 (Alpi occidentali) m di altitudine.

Fusto: Altezza massima 40m. Chioma: stretta e conica, si appiattisce alla cima con l’età. I rami tendono a incurvarsi al centro, ripiegandosi verso l’alto all’estremità. Corteccia: grigio – bruno e liscia; si spacca in fenditure verticali con l’età

Foglie: Aghiformi, tenere, lunghe 2-3 cm, in ciuffi di 20, 30 unità su corti rametti. Verdi smeraldo in marzo, diventano più scure e infine dorate in autunno


Fiori: Fiorisce in aprile-maggio, poco prima della emissione delle foglie. I fiori femminili del Larice sono ovali, lunghi circa 1 cm, di color rosso porpora. I maschili, meno visibili, sono piccoli e corti, di color giallo.

Frutti: Coni maschili: piccoli, rotondi e dorati, lunghi 0,5- 1 cm. Coni femminili: dal rosa al rosso, lunghi 1 cm, simili a fiori; maturando scuriscono e prendono forma conica, con squame arrotondate

Corteccia Foglie Fiori Frutti
Passa il mouse sull'immagine per ingrandirla
Fotografie di Pietro Gusso gentilmente offerte dal sito http://digilander.libero.it/alberiitaliani

Il nome ha conservato l'origine latina.
Il Larice è una conifera a foglie caduche di prima grandezza (fino a 40 m di altezza), di rapido accrescimento e molto longevo.
E' originario dell'Europa Centrale (monti Sudeti e Carpazi) e delle Alpi, dove arriva sino al limite superiore della vegetazione arborea.
Trova le migliori condizioni di vegetazione nelle stazioni ben illuminate, con terreno fresco e sciolto e clima asciutto e continentale.
Il legno del Larice, di grande durevolezza e bell'aspetto, è ricercato per costruzioni edili, navali e in falegnameria.
La corteccia produce tannini per la concia e per la tintoria; dal legno si distilla l’alcool etilico.

Le voci del bosco
Il larice, re dei costoni, per carattere e stile è l'opposto del noce. E' presente nelle radure, ma può anche crescere solitario, come una spina dolorosa nel fianco del monte. Ha un nome ossuto e secco che ben lo rappresenta. Il suo colore interno, soprattutto nella parte che esce dalla terra, è rosso sangue con fiammature giallo ocra che lo accendono. Non cresce proprio perfetto, ma leggermente curvo, e va su, molto in alto. E' il nostro amico, il fratello maggiore. I montanari ne adoperavano i primi quattro metri perchè sono più forti e duraturi. Con lui costruivano tetti, solai, porte finestre, panche, botti. Tutte le nostre case sono state costruite con il larice.
I vecchi cercavano quelli di maggior resistenza e, tolto l'alburno, ne adoperavano solo la parte interna, la rossa, che è indistruttibile. Vi sono due qualità di larice all'apparenza uguali ma in realtà un po' diverse tra loro.
Quella degli agiati, composta da piante cresciute su terreno grasso, con comodità e benessere che le rendono leggermente più tenere e malleabili, e gli altri, quelli che conquistano il diritto all'esistenza su terreni impervi e magri e, da noi, vengono al mondo sulle coste di “Pradòn” e “Porgait”, o appesi ai picchi del “Certèn”.
Erano questi i più ricercati perchè ogni loro centimetro di crescita è figlio del sudore, della fatica di vivere, della stentata corsa agli alimenti.
Tenaci e riservati, nobili d'animo e forti di carattere erano i nostri naturali alleati.
I paesi della valle sono fatti di sassi, anime e larici.
E' l'albero che veglia sul sonno degli uomini. Nella costruzione delle case lo si impiegava per fare travi e solai, e proprio in  virtù della sua posizione, sotto ai soffitti nelle camere da letto, egli assisteva e spiava la vita notturna della gente. (...)
Per renderli ancora più resistenti alla raspa del tempo, dopo averli tagliati, sempre sul calar della luna, e squadrati, i travi venivano “passati” sopra la fiamma di un fuoco di carpino.
La paura del fuoco, nemico mortale dei legni, e la sua carezza rovente, li faceva ripiegare su se stessi, come a proteggersi dall'attacco. Le fibre si compattavano ulteriormente e il trave bruciacchiato diventava di un colore nerastro come l'ebano e, di colpo, invulnerabile. (...)
Oggi, per fortificare i legni, si usano vernici sintetiche; allora, la saggezza del fare e del vivere utilizzava solo gli elementi primordiali: aria, terra, acqua e fuoco. (...)
Il larice è un albero onesto, generoso, dal portamento ottocentesco. In lui si sposano forma e sostanza.
Potresti affidargli, nella più completa tranquillità, i tuoi beni con la certezza che verrebbero non solo conservati con scrupolo e attenzione ma anche restituiti.
Non cerca tuttavia di imporsi e ti viene in aiuto solo su tua specifica richiesta.
La sua vita è lassù, in costa alla montagna, sentinella affettuosa dei suoi fratelli uomini.

(Brano tratto dal libro “Le voci del bosco” di Mauro Corona – Edizioni Biblioteche dell’Immagine di Santarossa)
Sito internet di Mauro Corona: http://www.dispersoneiboschi.it
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting