Carpino bianco (Carpinus betulus) PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 63
ScarsoOttimo 
I boschi della Val Trebbia - Boschi della Val Trebbia
Scritto da Marco Gallione   
Martedì 03 Febbraio 2009 16:30
Carpino bianco (Carpinus betulus)
Famiglia: Corylacee

Habitat: Il Carpino bianco in Italia si trova dal piano fino a 900 m di altitudine sulle Alpi e 1300 m sugli Appennini.

Fusto: Diritto con chioma ovale, allungata. Fusto scanalato e corteccia liscia, color grigio cenere, simile a quella del faggio.

Foglie: Ovali e appuntite, a margine doppiamente seghettato come quelle del Carpino nero. Le foglie del Carpino bianco diventano di colore giallo carico in autunno, prima di cadere.

Fiori: I fiori del Carpino bianco sono unisessuali. Quelli maschili, in amenti penduli, compaiono in aprile-maggio assieme alle foglie

Frutti: Acheni portati a grappoli.

Corteccia Foglie Fiori Frutti
Passa il mouse sull'immagine per ingrandirla
Fotografie di Pietro Gusso gentilmente offerte dal sito http://digilander.libero.it/alberiitaliani

Il carpino bianco è un albero caducifoglie di terza grandezza, alto fino a 20 m, non molto longevo.
Il nome carpino viene dal celtico car, legno, e pin, testa, ed è legato al fatto che un tempo era utilizzato per farne gioghi. E’ diffuso in tutte le regioni temperate, dall’Europa centrale al Caucaso, e si spinge fino ai 1200 m di altitudine. Si adatta a qualsiasi terreno ma preferisce i suoli silicei e fertili.
Va a far parte di boschi misti decidui in ambienti luminosi e ben esposti; talvolta si incontra in formazioni pure. Produce polloni (germogli dalla base), ma cresce piuttosto lentamente.
E’ impiegato come pianta forestale e più raramente come ornamentale e in questo caso per realizzare siepi perché tollera bene la potatura.
il legno è tenace e compatto ed è usato soprattutto come combustibile, dà un carbone di ottima qualità; lavorato per ottenere utensili: manici di martello e asce, ruote dentate, parti di attrezzi rurali sottoposti a sforzo; resiste bene all’usura e si possono utilizzare i tronchi dritti per farne pali.
Viene usato per formare barriere frangivento a protezione delle colture ortive. Inoltre, trattiene le foglie morte e la sua chioma rimane assai folta anche in inverno. É adatto a formare siepi e può crescere in diverse forme.
Le foglie sono un buon foraggio per gli animali.

Le voci del bosco
Il duro dei duri è il carpino. Solo con lui si costruiva il corpo delle pialle.
Come nell’umana società, ci sono discriminazioni anche nei boschi. Esistono infatti nella stessa famiglia carpini bianchi e carpini neri. Mio nonno cercava i neri che sono i più tosti e compatti, ma nel cerchio delle sfide tra duri, c’è sempre qualcuno che lo è un po’ di più. Quando sei convinto di aver trovato un cocciuto o un resistente scopri che dietro l’angolo ne esiste un altro che lo batte e che a sua volta verrà superato. Il carpino nero, ad esempio, viene umiliato da certe acacie, impossibili da scalfire, ma che non possono diventare pialle perché il tempo le piega e le storce. (…)
Il carpino ama il terreno sassoso dove gli stenti incurvano la vita. Cresce sfruttando quella poca sostanza che la natura gli concede. Si nutre di rari e preziosi cristalli, succhiati dalle radici alla madre terra, che lo rendono, negli anni,di una compattezza marmorea.
Non può crescere veloce come l'abete bianco, le cui radici, avide e voraci, rubano tutto ciò che trovano nel terreno perchè hanno il compito di nutrire bene il signore assoluto del bosco. Il carpino viene su lento e stentato e ogni suo centimetro di statura è una faticosa e dolorosa conquista.
Di carattere testardo, cresce storto, ossuto, inquieto e ramingo. Nelle fattezze contorte e nodose vi si legge un dolore antico e impenetrabile. Se capita di vedere un carpino diritto, è bene ricordarsi che si ha di fronte , ironia della natura, un portatore di handicap.
Quello “normale” cresce un po di qua e un po di là, piega a destra e poi a sinistra con contorsioni paurose e nodi slabbrati. In aggiunta a tutto ciò, vivendo sul ripido, spesso viene “colpito” dalle pietre cadenti, così ai nodi si aggiungono i grumi delle ferite rimarginate.
 Il carpino assomiglia un po' all'ulivo nelle forme torturate ma, mentre l'ulivo esprime e lascia vedere le tribolazioni, il carpino trattiene il dolore nelle intime fibre del suo essere.
E' un solitario e ama fissare l'orizzonte. Non chiede nulla e di nulla ha bisogno. Anche quel sentimento chiamato amore rappresenta per lui un problema difficile. (...)Una volta tagliato un carpino, mio nonno metteva in opera solo il primo pezzo (circa un metro) che da sempre rimane la parte più dura dell'albero. Il resto lo usava per il fuoco. Quando brucia, il carpino non forma quasi braci. Come un uomo schivo e solitario, vuole scomparire nel nulla senza lasciare di sé la minima traccia.

(Brano tratto dal libro “Le voci del bosco” di Mauro Corona – Edizioni Biblioteche dell’Immagine di Santarossa)
Sito internet di Mauro Corona: http://www.dispersoneiboschi.it

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information