Boschi della Val Trebbia
La vegetazione dell'alta val Trebbia, piuttosto ricca e varia, comprende in prevalenza formazioni di tipo boschivo, tra cui spiccano le faggete ei castagneti.
LA FAGGETA
II bosco di faggio rappresenta il tipo di vegetazione naturale della fascia montana ligure. Il faggio compare nell'Appennino ligure quando il clima tende a diventare più umido, con piogge abbondanti, e più fresco, cioè quando l'altitudine aumenta (in genere oltre i 900-1000 m).
Al di sotto di queste quote il faggio discende soltanto perché approfitta dell'umida frescura offerta da alcune vallette riparate e protette dai venti asciutti: qui il faggio è presente eccezionalmente a una quota di poco superiore ai 700 m, dove la notevole umidità dell'aria si manifesta spesso col fenomeno della nebbia di fondovalle.
Le poche specie arboree che si uniscono al faggio sono gli aceri, i sorbi degli uccellatori e i saliconi. Nel sottobosco umido e ombroso fioriscono il geranio nodoso, l'euforbia dolce, il fior di stecco.
La struttura originaria del bosco di faggio è in genere modificata dal taglio, ma si trovano ancora notevoli fustaie con faggi secolari nelle zone più elevate e lungo tutta la zona di crinale Aveto-Trebbia. Qui però sui versanti più esposti al vento, il portamento del faggio si fa irregolare, fino alla formazione di veri e propri arbusti dai tronchi nodosi e ritorti.
CASTAGNETI E BOSCHI MISTI
Altrettanto frequenti sono i castagneti. Essi sono, come nel resto della Liguria, di origine colturale, poiché da secoli l'uomo ha favorito sulle nostre montagne l'espansione del castagno, molto più redditizio sotto il profilo economico, a svantaggio di altre specie arboree, come ad esempio le querce.
Oggi in val Trebbia, come quasi ovunque in Liguria, i castagneti da frutto sono abbandonati, ma se ne ammirano ancora dei begli esempi, come al bosco delle Fate, a Fontanigorda. Nel sottobosco dei castagneti compare sempre la felce aquilina.
L'abbandono dei castagneti da frutto fu determinato da diversi fattori, tra cui le malattie parassitarie note come cancro della corteccia e mal dell'inchiostro, lo spopolamento delle campagne, la minore competitività della castagna rispetto ad altri prodotti.
Oggi i castagneti si presentano soprattutto come boschi cedui, ricchi di specie arbustive ed erbacee, e tendono pian piano a trasformarsi in boschi misti di latifoglie, tra cui prevalgono il carpino nero, l'orniello, il maggiociondolo, il ciliegio selvatico. Il loro sottobosco è ricco di primule, anemoni, epatiche, viole, scille.
ALTRI TIPI DI BOSCHI
Un tipo particolare di bosco è quello di robinia, la falsa acacia; si sviluppa di preferenza su terreni di origine alluvionale o detritica, interessando la zona bassa lungo la Trebbia, come nei pressi di Gorreto.
Tra i boschi delle zone collinari sono importanti i boschi di cerro, una quercia frequente soprattutto sull'Appennino centrale e meridionale.
Gli alneti sono boschi dove domina, a seconda dei casi l'ontano bianco o l'ontano nero, in condizioni di terreno più umide rispetto al faggio. Si osservano principalmente lungo le rive dei corsi d'acqua o nelle vallette, o dove le falde acquifere sono superficiali a causa di strati di roccia impermeabili.
RIMBOSCHIMENTI
In val Trebbia sono stati effettuati anche dei rimboschimenti, impiegando in genere specie arboree "pioniere" e "colonizzatrici" quali ad esempio il pino nero e il pino silvestre, che per la loro capacità di vivere in condizioni ambientali difficili, possono talvolta arrestare i fenomeni erosivi e facilitare il ritorno del bosco. Purtroppo però il rimboschimento è spesso così fitto e impenetrabile che la luce non riesce a filtrare, il suolo diventa troppo acido, e la vita del sottobosco è quasi impossibile.
Filtro titolo     Mostra # 
# Titolo articolo Autore Visite
1 Abete rosso o peccio (Picea abies) Marco Gallione 17240
2 Acero di monte (Acer pseudoplatanus) Marco Gallione 19529
3 Carpino bianco (Carpinus betulus) Marco Gallione 104787
4 Carpino nero (Ostrya carpinifolia) Marco Gallione 72693
5 Castagno (Castanea sativa) Marco Gallione 44399
6 Cerro (Quercus cerris) Marco Gallione 43240
7 Faggio (Fagus sylvatica) Marco Gallione 58801
8 Larice (Larix decidua) Marco Gallione 44580
9 Maggiociondolo o avorniello (Laburnum anagyroides) Marco Gallione 103494
10 Nocciolo (Corylus avellana) Marco Gallione 36540
11 Olmo montano (Ulmus glabra) Marco Gallione 15302
12 Ontano bianco (Alnus incana) Marco Gallione 19328
13 Ontano nero (Alnus glutinosa) Marco Gallione 31570
14 Orniello (Fraxinus ornus) Marco Gallione 21451
15 Pino nero (Pinus nigra) Marco Gallione 24409
16 Pino silvestre (Pinus sylvestris) Marco Gallione 24191
17 Pioppo tremolo (Populus tremula) Marco Gallione 20586
18 Robinia (Robinia pseudacacia) Marco Gallione 29121
19 Rovere (Quercus petraea) Marco Gallione 32972
20 Roverella (Quercus pubescens) Marco Gallione 41735
21 Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia) Marco Gallione 25768
22 Sorbo montano o farinaccio (Sorbus aria) Marco Gallione 22491
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information