Ottavello (Rivergaro) PDF Stampa E-mail

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Val Trebbia di oggi - Le frazioni della Val Trebbia emiliana
Scritto da Marco Gallione   
Martedì 20 Dicembre 2011 12:03
Ottavello Ottavello dal satellite

Ottavello (112 mt.). Citato nella Tavola alimentare Traiana come Octavum milium, ad otto miglia da Piacenza;  documentato nel XIV secolo il castello, appartenuto agli Zanardi Landi, a pianta quadrangolare  con mura in sassi di fiume e laterizio, tracce di merlature nel mastio d’ingresso (di proprietà privata). Nelle vicinanze la chiesa di S. Bartolomeo documentata nel 1343 come cappella privata del castello, divenuta parrocchiale tra il XV e il XVI secolo, riedificata nel 1832. Facciata neoclassica , interno a croce greca allungata. In prossimità del paese il settecentesco Palazzo Vegezzi, appartenuto ai Guleri, ai Meneghelli, ai Vegezzi originari del Canton Ticino (di proprietà privata).

(Fonte: Guida turistica “Piacenza e la sua provincia” di Leonardo Cafferini)

Il castello di Ottavello

Nella frazione di Ottavello, che trae il nome dall'espressione latina ad oetavum milium (dell'importante «strata» romana di Val Trebbia) esiste un castello che non fu protagonista, nè testimone di fatti notevoli, se pure posto ai confini dei territori di varie ed importanti famiglie feudali piacentine come i Landi, gli Anguissola e i Radini Tedeschi.
Nel 1521 ne era signore G. Battista Zanardi Landi che nello stesso anno venne decapitato dai Francesi per essere stato trovato in possesso di lettere di ribelli anti-francesi, alleati del conte Pier Maria Scotti, detto «Il Buso» che, con il tradimento avrebbe voluto occupare Piacenza.
A pianta quadrangolare, conserva ancora molte particolarità castrensi, specialmente sul fronte principale in cui si notano gli incastri del ponte e del ponticello levatoi.
Venuta meno la funzione militare, l'edificio venne adibito a carcere, in alcuni scritti del 19 febbraio 1811, si parla delle prigioni poste in esso e dei locali da sistemare.
Il castello (trasformato in abitazioni) attualmente si presenta costituito da due corpi di fabbrica, posti ad una certa distanza uno dall'altro. Nelle spesse mura di sasso si aprono alcune feritoie; al piano terra e nei sotterranei vengono indicate le prigioni e la cappella in cui si confessavano i condannati a morte. Alle pareti sono infissi anelli di ferro che, secondo una tradizione orale, sarebbero serviti per appendervi i corpi squartati dei giustiziati.
Come ci si arriva - Da Piacenza per Rivergaro e superato l'abitato di Settima a sinistra per Ottavello (11 km dalla città).

(Fonte: http://www.comune.rivergaro.pc.it/cultura/monumenti/ottavello.html )

Al momento non abbiamo altre informazioni su questa frazione. Se vuoi mandare il tuo contributo scrivi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information