Castello di Erbia PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
I castelli della Val Trebbia e dintorni - Valli Chiavenna, Perino, Riglio e Vezzeno
Scritto da Marco Gallione   
Mercoledì 28 Novembre 2012 06:41

Dove si trova

Il castello di Erbia si trova presso San Boceto in Val Perino, nel comune di Bettola, dal quale dista circa 11 km.

Cenni storici

Gli antichi documenti ricordano la località e il suo castello sotto vari nomi: Herbia, Nebbia, Nebla: Stando alla scritta scolpita in una pietra della torre, la fondazione sarebbe avvenuta nel 1400 per iniziativa del Giureconsulo Pietro Nicelli che voleva certo creare un valido avamposto atto a precludere l'accesso alla strada che, dalla Val Perino, portava alla Val Nure, zona da secoli sotto il dominio della Sua famiglia. In seguito a divisioni nel 1514 l'edificio passò a Pier Antonio. Fra i vari esponenti della famiglia che nel 1539, dopo aver saccheggiato Bettola, trucidarono barbaramente Giovanni Camia, detto il grosso, era anche Gian Francesco, signore d'Erbia. Per rappresaglia i Camia, con un buon numero d'armati, si portarono ad Erbia, devastando ogni cosa. Nel 1641 gli ultimi discendenti di tale ramo vendettero il castello e le sue pertinenze al rettore di Calenzano, Don Giuliano Cavanna, che lo tenne fino alla sua morte. (1659) Nello stesso anno i suoi nipoti ed eredi, Francesco Maria e Bartolomeo Gulieri, vennero in possesso dell'edificio, subito avocato dalla Camera Ducale in quanto, come fortilizio, non poteva essere considerato bene trasmissibile. Mediante un compromesso sottoscritto, i Gulieri riuscivano ad entrarne in possesso, malgrado l'opposizione di Giovanni Nicelli di Guardamiglio che, in veste di parente più prossimodei Nicelli, avanzava legittimi diritti su Erbia. Seguiva un'accesa controversia che si risolveva nel 1688 con una transazione fra i contendenti, il conte Giovanni Nicelli (tenuto conto anche dei lavori di miglioria apportati dai Gulieri) li investiva in parte, e a titolo perpetuo, del castello: i suoi discendenti tennero la proprietà ininterrottamente sino ai primi del 1900 circa.

Informazioni turistiche

Il castello è crollato recentemente in alcune sue parti e si presenta diroccato, non visitabile se non esternamente.

Fonti

www.calenzanodibettola.com (Carmen Artocchini)
Foto di Paolo Griffini  (www.panoramio.com/user/166271) - Questo indirizzo e-mail √® protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (www.esplora.piaseinza.com) - Riccardo Rossi (www.panoramio.com/user/3649555?show=all) - wunnish.altervista.org - www.mondimedievali.net

 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information