Castel Chiapponi di Rottofreno PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
I castelli della Val Trebbia e delle 4 Province - Val Tidone
Scritto da Marco Gallione   
Mercoledì 26 Settembre 2012 13:41

  • rottofreno01
  • rottofreno02
  • image carousel
  • rottofreno04
rottofreno011 rottofreno022 rottofreno033 rottofreno044
image slider by WOWSlider.com v9.0

Dove si trova

Castello Chiapponi si trova nel comune di Rottofreno, in prossimità dello sbocco del Trebbia nel Po. Rottofreno dista 13 bkm da Piacenza.
Come arrivarci: si percorre la via Emilia pavese (SS10) fino a Rottofreno, comune capoluogo. Giunti nel centro abitato, si segue le indicazioni per il castello Chiapponi, che si trova a poche centinaia di metri dal paese.

Il castello

Il complesso castrense, già nel 1500, si presentava racchiuso in una cinta quadrata con torri rotonde agli angoli; in posizione mediana della cortina, rivolta a sud, era la torre di accesso munita di posterla e ponte levatoio. Verso Ovest, il recinto quadrilatero era diviso in due settori tramite un edificio che, partendo dalle immediate vicinanze della torre predetta, si saldava all’apposita cortina settentrionale. I fabbricati residenziali erano impostati nell’angolo nord-est del cortile, dove pure si ergeva il mastio, circondato su tre lati da un fosso, le cui acque erano alimentate dall’ampio fossato esterno.

Cenni storici

Le prime notizie riguardanti il castello di "Rotofredo" risalgono a un documento del 996 stilato per il duca di Milano, Filippo Maria Visconti. Nel 1636, fu fortificato secondo l’architettura militare del l’epoca e messo in difesa dal Colonnello Gil de Has in soli 18 giorni, dopo la resa del Capitano Cristoforo Ferrari da Cortemaggiore che doveva difendere il castello, che così cadde in mano agli Spagnoli. Nel 1752 la Camera Ducale prese possesso della metà del fortilizio e feudo di Rottofreno, già proprietà di Francesco del Maino, deceduto senza prole. Attualmente l’edificio è di proprietà privata ed il suo stato di manutenzione è buono.

Informazioni turistiche

Il castello, di proprietà privata, è oggi inserito in una grande azienda agricola.

Fonti

"I Castelli Piacentini" di Carmen Artocchini, Tep 1983 - www.mondimedievali.net
Foto dal sito www.mondimedievali.net

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Novembre 2020 17:12
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information