Castello di Corano PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
I castelli della Val Trebbia e delle 4 Province - Val Tidone
Scritto da Marco Gallione   
Giovedì 13 Settembre 2012 15:35

  • corano01
  • corano02
  • corano03
  • corano04
  • javascript carousel
  • corano06
corano011 corano022 corano033 corano044 corano055 corano066
responsive slider by WOWSlider.com v9.0

Dove si trova

La frazione di Corano dista circa 6,5 chilometri dal comune di Borgonovo Val Tidone cui essa appartiene.
Il castello di Corano sorge nel borgo medievale, su un colle che domina la Val Tidone.

Il castello

Il castello, di dimensioni modeste, presenta una pianta irregolare, trapezoidale, con fronte principale rivolto ad oriente e costituisce per l'area piacentina un singolare esempio di fabbricato monoblocco. All'estremità del lato minore, è appoggiata la torre con base scarpata, più alta e probabilmente precedente al castello, dove è visibile la collocazione dello scomparso ponte levatoio. La struttura muraria, costituita da pietra nella zona inferiore e da mattoni in quella superiore, non implica necessariamente due tempi diversi di edificazione. Come ipotizza lo studioso Carlo Perogalli infatti, la differenziazione del materiale potrebbe essere legata alla staticità dell'edificio o alla messa in opera dei materiali. La decorazione dentata a triangoli, particolarmente utilizzata nel trecento in area padana, risulta qui essere l'elemento d'unione fra la torre e il corpo principale.  All'interno ci sono alcune stanze decorate da Luigi Arrigoni (1896-1964), considerato uno degli artisti più rappresentativi della pittura piacentina della prima metà del Novecento e che vi ebbe lo studio fin dagli inizi della sua carriera. .

Cenni storici

Dell'attuale fortilizio non si conosce l'esatta datazione, ma si sa che il primitivo castello venne distrutto nel XII secolo dai corpi armati di Federico Barbarossa, e che poi, nel 1241, re Enzo ne smantellò le mura dopo aver sopraffatto la guarnigione guelfa. Nel 1372, durante il conflitto tra Amedeo VI di Savoia e Galeazzo II Visconti, le truppe pontificie occuparono la Val Tidone e si impadronirono anche del castello di Corano, che tennero per pochi mesi, cacciate l'anno successivo dalle forze viscontee che rioccuparono tutto il territorio. Nel 1417 il conte di Carmagnola Francesco Bussone, inviato nel piacentino dal Duca di Milano per indebolire la potenza degli Arcelli, andò in Val Tidone e il 16 maggio bruciò il fortilizio di Corano. Nel 1438, Lazzaro Radivi, detto Tedesco, capitano del duca Filippo Maria Visconti, ricevette l'investitura di Corano, che fu rinnovata l'anno seguente.

Informazioni turistiche

L'edificio è visitabile solo dall'esterno in quanto è residenza privata
Disponibile per eventi e cerimonie
Contatti: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Fonti

www.emiliaromagna.beniculturali.it - nuke.valtidoneluretta.it
Foto di Andrea Solari  - (www.preboggion.it) - wunnish.altervista.org - www.emiliaromagna.beniculturali.it

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Novembre 2020 10:20
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information