Castello di Spettine PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
I castelli della Val Trebbia e delle 4 Province - Val Nure
Scritto da Marco Gallione   
Lunedì 08 Ottobre 2012 05:31

  • spettine01
  • spettine02
  • spettine03
  • spettine04
  • spettine05
  • spettine06
  • spettine07
  • spettine08
  • spettine09
  • spettine10
  • spettine11
  • spettine12
  • spettine13
  • spettine14
  • spettine15
  • spettine16
  • spettine17
  • spettine18
  • spettine19
  • bootstrap carousel
  • spettine21
spettine011 spettine022 spettine033 spettine044 spettine055 spettine066 spettine077 spettine088 spettine099 spettine1010 spettine1111 spettine1212 spettine1313 spettine1414 spettine1515 spettine1616 spettine1717 spettine1818 spettine1919 spettine2020 spettine2121
image slider by WOWSlider.com v9.0

Dove si trova

Spettine è una frazione del comune di Bettola.
Da Piacenza Sud seguire tangenziale e svoltare per Val Nure. Salire fino a Ponte dell’Olio, superarlo e, appena prima di Biana, svoltare a destra sul ponte del Nure (indicazioni Spettine). Alla fine del ponte svoltare a destra e salire fino alla Casa Scout. Da Casa Scout al castello, è uno sterrato impegnativo. Solo fuoristrada e in condizioni di terreno asciutto. In caso di pioggia, pericoloso anche per fuoristrada. Presente piccolo guado e terreno molto scivoloso in caso di pioggia. Si può salire a piedi per una camminata di circa 20/30 minuti.
 

Il castello

Il castello presenta un corpo centrale (quasi certamente il primitivo, affiancato da altri edifici eretti in epoca successiva. La parte più antica sovrasta in altezza le altre e conserva nelle muraglie tracce di archi in arenaria. Nella stanza a pianterreno, al di sopra di altrettante porte che si fronteggiano, si notano capaci forni. A piano terra di uno degli edifici, la cui costruzione risalirebbe al 1500, si trova un'ampia sala con un grande camino in arenaria e soffitto ligneo a cassettoni; la tradizione vuole che fosse l'aula in cui si teneva giustizia. Un'altra parte del complesso risale invece al 1668, come conferma la data scolpita in una pietra. Di fronte al corpo centrale esiste un'altra costruzione nella cui parte superiore era l'oratorio privato del castello. Due locali con accessi bassi e in origine privi di finestre, sono rispettivamente indicati come "la prigione degli uomini" e la "prigione delle donne".Per quanto il castello versi in grave stato di abbandono, la prigione delle donne che si distingue per la presenza di questa "comoda" è rimasta perfettamente conservata.
All'interno della sala della giustizia, al pian terreno del castello di Spettine, le pareti sono rivestite di firme incise nell'intonaco. Interessante un volto umano ricavato dai diversi strati di pittura murale e delineato con il carbone del camino (foto nella galleria fotografica).

Cenni storici

Poche sono le notizie riguardanti questo fortilizio posto a controllo di una delle strade di collegamento fra le valli del Nure e del Trebbia. Il primo possesso del castello fu certo della nobile famiglia che appunto dalla località prese il nome: i Da Spettine che annoverarono personaggi di rilievo nell'ambito piacentino in epoca comunale. Nel 1396 il duca Gian Galeazzo Visconti diede procura ad Antolino de Angusolis, podestà di Pavia, affinchè comprasse a suo nome il castello di Spettine. Il fortilizio fu assediato nell'aprile del 1440 dal conte Giovanni Anguissola e dai suoi seguaci che provocarono gravi danni alla Val Nure. In seguito il feudo di Spettine, unitamente a quelli di Macerato, Pradovera e Montebarro, passò agli Anguissola i quali ne vennero privati nel 1462 da Francesco Sforza, duca di Milano per avere Onofrio Anguissola, in quello stesso anno, capeggiato una sollevazione di contadini. Dopo l'uccisione dell'Anguissola, avvenuta nel castello di Binasco presso Milano dopo molti anni di prigionia, il duca investì di quei beni il suo camerario, Gian Francesco Attendolo. Ai primi del Cinquecento il conte Gian Ludovico Caracciolo otteneva dal re di Francia conferma della sua signoria su varie località della Val Trebbia e Val Perino e su metà del feudo di Spettine; la restante parte competeva invece al conte Francesco Maria Anguissola.

Informazioni turistiche

La struttura è in parte ricoperta da piante rampicanti e il tutto è immerso in abbondante vegetazione.

Fonti

pcturismo.liberta.it - www.esplora.piaseinza.com - Dalle foto di Riccardo Rossi
Foto di Riccardo Rossi (www.panoramio.com/user/3649555?show=all) - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (www.esplora.piaseinza.com) - www.mondimedievali.net

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Novembre 2020 17:18
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information