Castelvecchio PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
I castelli della Val Trebbia e delle 4 Province - Val Luretta
Scritto da Marco Gallione   
Martedì 18 Settembre 2012 14:33

  • castelvecchio01
  • image slider
  • castelvecchio03
castelvecchio011 castelvecchio022 castelvecchio033
responsive slider by WOWSlider.com v9.0

Dove si trova

Campremoldo Sopra (Camparmold in dialetto piacentino) è una frazione del comune di Gragnano Trebbiense, dal quale dista circa 4,5 km.
Come arrivarci: Castelvecchio dista circa 20 km da Piacenza, da dove si prende la via Emilia Pavese per giungere a San Nicolò e seguire a sinistra Borgonovo. Qui si tiene nuovamente la sinistra per le indicazioni per Campremoldo di Sopra.

Il castello

Ben poco è rimasto oltre il corpo di fabbrica in cui alloggiava il ponte levatoio: poche strutture fatiscenti, in parte adibite ad uso residenziale, che circondano la corte interna. Buona parte delle strutture superstiti comunque sembrano essere rifacimenti che poggiano sulle basi del fortilizio originario, che era sicuramente circondato dal fossato.

Cenni storici

Sul ricco territorio pianeggiante della giurisdizione feudale di Campremoldo, poco meno di diecimila ettari non lontano da Piacenza, sorgono ben tre castelli, Castelvecchio, Castelbosco e Castelmantova. Di un quarto insediamento, posto sull’area attigua la Chiesa di S. Pietro a Campremoldo di Sopra, detto il Castellaro, non rimane traccia se non nel toponimo. Si tratta probabilmente del sito più antico, risalente forse al periodo del primo incastellamento, quando la zona era in gran parte proprietà dei monasteri di S. Sisto e di Quartazzola.
Fra il XII ed il XIII secolo il feudo era dominato da due importanti famiglie, i da Pecorara e i da Campremoldo. La prima era una nobile famiglia originaria dell’alta Val Tidone che diede i natali al cardinale Jacopo da Pecorara, legato pontificio noto per l’acerrima rivalità che lo contrappose a Federico II. La seconda era invece una potente famiglia locale arricchitasi con l’attività mercantile e finanziaria nelle societates piacentine e lombarde sui mercati di mezza Europa.
Verso la fine del ‘200 queste antiche famiglie furono scalzate dall’ascesa degli Scotti che propio all’apice della loro potenza politica ed economica acquisirono con Alberto Scoto, signore di Piacenza, la proprietà di gran parte di questi territori.
Non si conosce la data in cui venne eretto Castelvecchio, ma era di certo di proprietà dei da Pecorara già nel 1186. Nel 1372 il castello si arrende alle milizie pontificie che avevano invaso il territorio piacentino. Nel XVI secolo poi Castelvecchio si ritrova sotto il dominio dei Malvicini Fontana. Infine viene saccheggiato e distrutto nel XVII secolo, durante la guerra di Odoardo Farnese contro gli Spagnoli.

Informazioni turistiche

Al momento non abbiamo informazioni su questo castello

Fonti

www.mondimedievali.net
Foto dal sito www.mondimedievali.net

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Novembre 2020 10:16
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information