Castelbosco PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
I castelli della Val Trebbia e delle 4 Province - Val Luretta
Scritto da Marco Gallione   
Martedì 18 Settembre 2012 14:22

  • castelbosco01
  • castelbosco02
  • castelbosco03
  • castelbosco04
  • castelbosco05
  • javascript slideshow
  • castelbosco07
castelbosco011 castelbosco022 castelbosco033 castelbosco044 castelbosco055 castelbosco066 castelbosco077
jquery image carousel by WOWSlider.com v9.0

Dove si trova

Campremoldo Sopra (Camparmold in dialetto piacentino) è una frazione del comune di Gragnano Trebbiense, dal quale dista circa 4,5 km.
Come arrivarci: Castelbosco dista da circa 20 km da Piacenza, da dove si può prendere la via Emilia Pavese fino a giungere a San Nicolò, per poi seguire a sinistra la direzione per Borgonovo. Ancora una volta a sinistra alle indicazioni per Campremoldo di Sotto.

Il castello

Il castello, impostato su schema rettangolare e di proporzioni ridotte, possiede elementi davvero interessanti, soprattutto nei dispositivi di difesa, quali la merlatura, e nei resti del ponte levatoio del fossato. Delle due torri ancora esistenti, quella che si eleva di più sul complesso presenta evidenti rifacimenti, mentre l'altra è abbassata all'altezza delle cortine, ricoperta poi da un tetto ad unica falda. Oggi l’ingresso principale si trova nel giardino. Di lì si accede ad uno scalone interno che sale al primo piano, dove è ricavato un cortile interno che illumina le stanze circostanti. Sull’area attigua al complesso castrense sono sorte nel tempo varie costruzioni adibite ad attività agricole.

Cenni storici

Sul ricco territorio pianeggiante della giurisdizione feudale di Campremoldo, costituito da poco meno di diecimila ettari non lontano da Piacenza, sorgono ben tre castelli, Castelvecchio, Castelbosco e Castelmantova. Di un quarto insediamento castellare insistente sull’area attigua alla chiesa di S. Pietro a Campremoldo di Sopra, detto il Castellaro, non rimane traccia se non nel toponimo. Si tratta del sito probabilmente più antico, risalente forse al periodo del primo incastellamento, quando la zona apparteneva in gran parte ai monasteri di S. Sisto e di Quartazzola.
Fra il XII ed il XIII secolo, il feudo era dominato da due grosse famiglie i da Pecorara e i da Campremoldo. La prima era una nobile famiglia originaria dell’alta Val Tidone, la quale diede i natali al cardinale Jacopo da Pecorara, legato pontificio distintosi per l’acerrima rivalità che lo contrappose a Federico II. La seconda era invece una potente famiglia locale arricchitasi con l’attività mercantile e finanziaria che le societas piacentine e lombarde si erano guadagnate sui mercati di mezza Europa.
Nella seconda metà del Duecento, queste antiche famiglie furono scalzate dall’ascesa degli Scotti, i quali all’apice della loro potenza politica ed economica, fra l’altro conseguita con Alberto Scoto signore di Piacenza, acquisirono la proprietà di buona parte di questi territori. Non si conosce la data esatta in cui venne eretto Castelbosco, ma si può presumere che furono proprio gli Scotti a costruirlo a cavallo di quei due secoli, per ovvia difesa dei loro possedimenti.
Il castello compare nelle cronache degli storici locali solo nel 1314, quando è citato in un fatto d’armi durante la contesa ingaggiata fra Nobili e Popolari in quel periodo. Castelbosco riappare poi in alcuni documenti dell'ottobre del 1482, quando Antonio Maria Scotti ottenne la licenza ducale di riedificare il castello. La signoria sul luogo venne elevata a marchesato nel 1546 da Pier Luigi Farnese, primo duca di Parma e Piacenza, a godimento di Marc'Antonio Scotti.

Informazioni turistiche

Al momento non abbiamo informazioni su questo castello

Fonti

www.mondimedievali.net
Foto di Andrea Solari (www.preboggion.it) - www.mondimedievali.net

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Novembre 2020 09:52
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information