Castello di Momeliano PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
I castelli della Val Trebbia e delle 4 Province - Val Luretta
Scritto da Marco Gallione   
Giovedì 13 Settembre 2012 15:38

  • momeliano01
  • momeliano02
  • momeliano03
  • momeliano04
  • momeliano05
  • momeliano06
  • momeliano07
  • bootstrap image slider
  • momeliano09
momeliano011 momeliano022 momeliano033 momeliano044 momeliano055 momeliano066 momeliano077 momeliano088 momeliano099
image slider by WOWSlider.com v9.0

Dove si trova

Momeliano é posta sulla riva destra del torrente Luretta, in posizione dominante la pianura padana. Dista 4 chilometri dal comune di Gazzola cui essa appartiene.

Il castello

Costruito in sassi intorno alla metà circa del 1300, fu variamente modificato fino al periodo rinascimentale. Molto ben conservato, presenta pianta quadrata con torri angolari sporgenti rotonde, eccetto quella occidentale, quadrata, e un bel cammino di ronda. Sono ancora visibili le tracce degli incastri del ponte levatoio; la merlatura, ora chiusa ad arco e percorribile per mezzo di uno stretto corridoio; le finestre ad arco acuto, ora murate; la loggia verso il cortile, con due coppie di archi.
Momeliano conserva anche una torre, esempio di arte fortificatoria minore; quest’ultima pare che fosse una dipendenza del castello costruita nel XV secolo. All’interno, a due piani, in alcune lunette sono definiti gli stemmi delle nobili famiglie che ne furono proprietari.

Cenni storici

Le prime notizie dell'attuale castello, risalgono al 1368, quando il suo possessore, Castellino Dolzani, lo vendette a Ruffino Borri. Quattro anni dopo, durante la guerra che il pontefice conduceva contro Galeazzo II Visconti, Momeliano (come altri borghi del territorio piacentino) subì l'invasione delle truppe papali e dovette accogliere il presidio dal cardinale legato Pietro Buturicense. Nel 1488 il castello era di Giovanni Albanesi, detto Rubbino; tre anni dopo ne era il signore il nobile Antonio Ceresa. Per successione ereditaria il fortilizio nel 1530 perveniva alla famiglia Bottigella la quale, pochi anni dopo (1534) lo vendeva ai Radini Tedeschi. Verso la fine del secolo (1585) subentrava nel possesso dei feudi di Momeliano il marchese Ferrari. Nel 1595 ne era già signore il marchese Luigi Lampugnani, il quale possedeva altre terre nel parmense ed in lombardia: fu lui che fece ricavare un oratorio nel torrione orientale del castello. Dopo l'estinzione della famiglia (1742), il feudo venne avocato dalla Camera Ducale; la vedova Lampugnani tuttavia ottenne dal duca di Parma e Piacenza, don Filippo di Borbone, la facoltà di abitare nel fortilizio al fine di poter provvedere all'amministrazione dei beni che possedeva nella zona. Il conte Gherardo Portapuglia nel 1798 acquistava il castello che passava quindi ai fratelli Giovanni e Piero Jacchini e ad essi, per eredità, subentrava Gaetano Basini; Da qui la denominazione Castel Basini data alla rocca. Gli eredi Jacchini si opposero al testamento promuovendo una lite che durò 30 anni al termine della quale il castello passò nelle mani di vari proprietari. Nel 1868 era degli Stevani, nobile famiglia a cui appartenne il colonnello dei bersaglieri Severino, valoroso combattente delle guerre di indipendenza ed esperto agricoltore.

Informazioni turistiche

Attualmente il castello di proprietà privata ospita le cantine dell'Azienda vitivinicola collocata nel perimetro delle mura esterne.
Aperto in occasione di eventi e concerti

Fonti

www.comune.gazzola.pc.it - www.emiliaromagna/beniculturali.it - www.vacanzeitinerari.it
Foto di Andrea Solari (www.preboggion.it) - www.emiliaromagna/beniculturali.it

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Novembre 2020 16:41
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information