Palazzo Doria-Della Cella di Cabanne PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
I castelli della Val Trebbia e delle 4 Province - Val d'Aveto
Scritto da Marco Gallione   
Mercoledì 10 Ottobre 2012 05:40

  • bootstrap slideshow
  • cabanne02
cabanne011 cabanne022
jquery image carousel by WOWSlider.com v9.0

Dove si trova

Cabanne sorge al centro della piana dove scorre l'Aveto ed è una frazione del comune di Rezzoaglio, dal quale dista circa 4 km.
Il palazzetto dei Della Cella (o Casa dei Doria) si trova nella parte più antica di Cabanne, a fianco dell'antica mulattiera che attraversava il paese (l'attuale Via Statale, n. 17), parallela all'odierna carrozzabile.

Il palazzo

Il palazzetto dei Della Cella, noto anche come Casa dei Doria, è un edificio di importanza storica. Si tratta di un palazzo signorile cinquecentesco appartenuto alle antiche famiglie Doria e Della Cella, da cui prende appunto il nome. Nel corso del tempo al palazzetto si sono addossati altri corpi di fabbrica, ma il nucleo orignario è ancora ben riconoscibile. L’edifico è piuttosto grande e austero, con un bel portale di ingresso in pietra con arco a tutto sesto, perfettamente lavorato. Gli elementi più caratteristici del palazzetto sono le due guardiole collocate agli angoli, che sottolineano l’aspetto nobiliare e al contempo difensivo dell’edificio. Il palazzetto ha sempre avuto una funzione residenziale ma, data la sua collocazione lungo direttrici viarie storiche piuttosto importanti per il commercio, è molto probabile che in passato fosse utilizzato anche come dogana.

Cenni storici

Fino al XIII secolo si pensa che tutta l'area fosse invasa da un vasto acquitrino paludoso chiamato Lago della Farfa (ricordato nel toponimo "Farfanosa", poco distante), che i frati del cenobio di San Michele di Pietramartina impiegarono un secolo a bonificare, liberando il corso del fiume, ostruito da una frana, nei pressi delle rocche del Masappello. Liberata la vallata dalle acque stagnanti, gli abitanti della zona poterono allora disporre di un'area pianeggiante ottima per il pascolo, e probabilmente in quest'epoca venne fondato il borgo di Cabanne (citato come Cabannae già nel 1330). L'abitato era di proprietà dell'antica famiglia dei De Mileto, imparentati con i Malaspina, padroni dal 1251 dell'importante feudo di Rezzoaglio. Alla fine del secolo, i De Mileto acquistarono il paese di Villa Cella, sorto in simbiosi con il monastero di San Michele, e ne acquisirono il nome, facendosi così chiamare Della Cella.. La famiglia, ricca e potente in tutta la zona (ed ancora esistente, in molte ramificazioni), cedette infine i diritti feudali sulla valle ai Doria nel 1610, ma non uscì del tutto dalla nobiltà locale: il famoso Paolo Della Cella, medico ed esploratore in Africa, nato nel 1792, era infatti un discendente del casato.
Il palazzetto fu fatto costruire dalla famiglia genovese dei Doria probabilmente nel XVI secolo, ovvero nel periodo in cui consolidò il suo potere in Val’D’Aveto, e rimase di loro proprietà fino alla fine del XVIII secolo, quando passò alla famiglia locale dei Della Cella. La scelta del luogo in cui edificare il palazzetto non è stata casuale, infatti Cabanne in passato era un importante centro di scambi commerciali, situato in un punto strategico rispetto alla viabilità storica, vicino a diverse direttrici viarie che collegavano la costa del Tigullio con l’Emilia e la Lombardia. In particolare, Cabanne era il primo insediamento della Val d’Aveto incontrato da chi proveniva dalla Valle Sturla attraverso il passo del Bozale seguendo la mulattiera utilizzata fino agli inizi del XX secolo; da Cabanne era quindi possibile controllare i traffici in entrata e in uscita della valle e, non a caso, qui si trovava una dogana e vi si teneva un mercato, dove pare venissero smerciati anche vari prodotti di contrabbando provenienti dalle valli circostanti.

Informazioni turistiche

L’edificio è attualmente in buono stato di conservazione ed è di proprietà privata.

Fonti

Dalla foto di Giacomo Turco - beniculturali.altaviadeimontiliguri.it
Foto di Giacomo Turco (giames78.blogspot.it) - beniculturali.altaviadeimontiliguri.it

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Novembre 2020 09:35
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information