Castello di Rivalta PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
I castelli della Val Trebbia e delle 4 Province - Bassa Val Trebbia
Scritto da Marco Gallione   
Giovedì 13 Settembre 2012 15:44

  • rivalta01
  • rivalta02
  • rivalta03
  • rivalta04
  • rivalta05
  • rivalta06
  • rivalta07
  • rivalta08
  • rivalta09
  • rivalta10
  • rivalta11
  • rivalta12
  • rivalta13
  • css image slider
  • rivalta15
rivalta011 rivalta022 rivalta033 rivalta044 rivalta055 rivalta066 rivalta077 rivalta088 rivalta099 rivalta1010 rivalta1111 rivalta1212 rivalta1313 rivalta1414 rivalta1515
image slider by WOWSlider.com v9.0

Dove si trova

Rivalta, anticamente detta Ripa Alta, dista circa 5 chilometri dal comune di Gazzola cui essa appartiene

Il castello

Il castello, mostra uno sviluppo planimetrico quadrangolare ed è caratterizzato da una singolare torre cilindrica quattrocentesca, che termina con un torresino. Nella seconda metà del Quattrocento, il conte Manfredo Landi, commissionò all'architetto Solari il progetto per la trasformazione del castello in residenza ed per adattarlo ad alcune esigenze militari. Nel corso di successivi ampliamenti, fu realizzato il cortile, delimitato da prospetti scanditi da eleganti portici e loggiati impostati su colonne ed archi a tutto sesto. Le decorazioni, i capitelli e i medaglioni in terracotta con i ritratti degli esponenti della famiglia Landi sottolineavano la funzione di rappresentanza dell'edificio. Nel Settecento, fu modificata la facciata in forme neoclassiche, e fu aggiunto lo scalone che conduce al piano superiore.
 

Cenni storici

Il castello, lambito dal fiume Trebbia e inconfondibile per il profilo del suo "torresino", fu un importante baluardo militare dell'Emilia.
Le prime notizie della sua esistenza risalgono al 1048, quando l'imperatore Enrico II ne donò una parte ai monaci benedettini del monastero di San Savino di Piacenza che, qualche anno dopo, entrarono in possesso dell'intero complesso. Nel XII secolo, Rivalta fu dei Malaspina e nel 1255 fu distrutto per ordine del podestà di Piacenza Oberto Pallavicino.
Dall'inizio del XIV secolo fino al XIX, il castello appartenne alla famiglia dei Landi, cui Ludovico di Francia, duca di Milano, concesse nel 1545 la possibilità di tenervi mercato, favorendo così lo sviluppo del borgo che diventò capoluogo di comune fino al 1860.
Dopo diversi passaggi di proprietà, nel 1895, il castello ed il borgo passarono ai conti Zanardi Landi, che si occuparono del restauro e della valorizzazione del complesso.
 

Informazioni turistiche

Il castello è visitabile e vi si possono effettuare ricevimenti. Nel Borgo sono presenti un bar, due ristoranti ed una chiesa.
Ricevimenti:
Ristorante "La Rocchetta"
Loc. Castello di Rivalta
Gazzola (PC)
Tel: 0523.978100
Fax: 0523.972036
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Visite guidate:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
339.2987892
Per informazioni più approfondite: www.castellodirivalta.it/informazioni.html

Fonti

www.emiliaromagna/beniculturali.it - www.castellodirivalta.it
Foto di Andrea Solari (www.preboggion.it) -www.emiliaromagna/beniculturali.it

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Novembre 2020 17:10
 

Cerca nel sito

Traduttore - Translator

Iscriviti alla newsletter!

Amministratore

Alta Val Trebbia, Powered by Joomla! and designed by SiteGround web hosting

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information